Home Recensioni aziendali La holding egiziana di gas naturale lancia un bando internazionale per la ricerca di gas

La holding egiziana di gas naturale lancia un bando internazionale per la ricerca di gas

Il progetto Azienda egiziana di gas naturale (EGAS) ha lanciato un bando internazionale per l'esplorazione e la ricerca di petrolio greggio e gas naturale in diverse aree terrestri e marine entro la fine del quarto trimestre (Q4) del 2016.

Khaled Abdel Badie, presidente della holding egiziana di gas naturale, sono disposti a esplorare più gas in quanto hanno già pubblicato gare d'appalto che vedranno la compagnia ricevere più offerte che li faranno trovare la migliore compagnia per esplorare il gas naturale disponibile.

L'offerta attualmente specifica l'area che hanno interesse a trovarsi a terra e in mare, in modo da poter ottenere tutte le autorizzazioni dalle autorità interessate.

Ha aggiunto che la prossima gara includerà aree marine profonde nel Mediterraneo al fine di attivare i processi di ricerca ed esplorazione di petrolio e gas, in quanto sono considerate alcune delle aree più promettenti in Egitto.

Abdel Badie ha spiegato che il lancio di gare d'appalto internazionali per la ricerca di petrolio greggio e gas fa parte della strategia del Ministero del petrolio per attirare nuovi investimenti da società internazionali e incoraggiarli a lavorare in questo campo in Egitto, aggiungendo nuove riserve e aumentando la produzione di petrolio.

L'Egitto attualmente produce 4.15 miliardi di piedi cubi di gas al giorno, rispetto ai 4.5 miliardi di piedi cubi dell'anno scorso.

Quattro offerte per quattro settori nel Mar Mediterraneo sono state approvate in un'offerta lanciata da EGAS all'inizio del 2015, con investimenti totali di $ 306 milioni, oltre a sovvenzioni firmate del valore di $ 10.5 milioni per perforare otto pozzi ed eseguire programmi di scansione sismica 3D.

Abdel Badie ha spiegato che le società che hanno vinto la gara d'appalto includono BP e IEOC per il settore quattro sul North Ras Al-Ash Marine, oltre alla coalizione formata da IEOC, BP ​​e la società francese Total per il settore sette, sul North Hammad Marine.

L'offerta della società italiana Addison per il settore 12 sulla Habi Marine nord-orientale è stata accettata, oltre all'offerta di BP per il settore 14 sulla Marine Tabiya settentrionale, secondo Abdel Badie. Le offerte fatte per la gara d'appalto ci sono richieste, nonostante l'attuale calo globale dei prezzi del greggio.

La holding egiziana di gas naturale lancia un bando internazionale per la ricerca di gas

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome