Dubai Creek Tower x
Dubai Creek Tower
CasaProgettiPanoramica del nuovo "Centro per l'innovazione" del Parklands College 

Panoramica del nuovo "Centro per l'innovazione" del Parklands College 

Il Parklands College, una scuola riconosciuta da Apple a Città del Capo, in Sudafrica, ha un nuovo "Centro di innovazione" che abbraccia nuove modalità di apprendimento grazie ai progressi tecnologici, nuovi modi di accedere e diffondere le informazioni, nonché un cambiamento pedagogico verso l'apprendimento collaborativo o misto .

Leggi anche: Sviluppo di un edificio per uffici IKUSASA a Oxford Park, Sud Africa

Parklands College, insieme al partner di sviluppo Milnerton Estates, ha commissionato uno studio di design multidisciplinare dhk Architects per affrontare il progetto basato sulla colonna sonora dell'azienda e sull'interesse reciproco per il futuro di spazi educativi lungimiranti. Il brief era quello di creare un'aggiunta sostanziale al suo campus esistente, dedicato interamente a spazi che facilitano queste tecniche e filosofie di insegnamento progressivo.

 Un approccio progressivo agli spazi di problem solving

Un'area di interesse chiave ha coinvolto la creazione di spazi per facilitare il lavoro di gruppo e classi che combinano materie (come scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) e materie basate sull'arte in attività creative di risoluzione dei problemi. Inoltre, in qualità di leader locale nel campo emergente della robotica, un'altra area di interesse era la creazione di spazi di apprendimento in stile workshop per facilitare la formazione di competenze imprenditoriali e professionali. Inoltre, i temi dell'interconnessione, della trasparenza e del movimento erano vitali per l'ethos del centro.

Considerando che tipo di "strumenti spaziali" potrebbero facilitare tali nuove modalità di apprendimento e come potrebbero deviare dagli ambienti tradizionali, dhk ha condotto una serie di workshop con il College e il team di professionisti, testando una serie di configurazioni che bilanciavano la necessità di stimolare e spazi fisicamente connessi con la necessità di momenti di quiete messa a fuoco, o attento controllo acustico; spazi che bilanciano un senso di contenimento con una sensazione di connessione. La soluzione è stata infine trovata in cluster di spazi interconnessi di varie dimensioni, spesso adiacenti o collegati da spazi di circolazione, che hanno l'opportunità di diventare aree ricreative o estensioni dell'ambiente di apprendimento.

Facilitare il flusso con un'estensione simpatica

Concettualmente, l'edificio era concepito come due solide ali rettilinee separate da cortili; l'ala sud che risponde al quadrilatero del College e l'ala nord che si piega dolcemente fornendo uno sfondo distintivo e suggestivo ai campi da gioco. Le due ali sono simultaneamente divise e unite da un grande atrio ricreativo a doppio volume in acciaio e vetro, giustamente chiamato "Grand Central", che costituisce il nucleo dell'edificio. Non solo l'atrio funge da centro di movimento centrale, ma è anche utilizzato per attività come incontri informali, esibizioni estemporanee, studio autonomo ed esperienze digitali immersive.

Nel complesso, il design architettonico è contemporaneo ed elegantemente semplice. Si discosta nettamente dallo stile esistente degli edifici del campus, ma rimane in sintonia con la pianificazione ortogonale complessiva. La forma dell'edificio è stata fortemente guidata dall'ottimizzazione delle relazioni spaziali pur aderendo ai principi di base di una buona progettazione ambientale, in particolare il comfort ambientale interno.

Costruire per il benessere

La ricerca ha dimostrato che senza luce naturale, aria fresca, buona acustica e buon comfort termico, la capacità di impegnarsi in modo significativo e l'opportunità di apprendimento profondo sono compromesse (considerando altrettanto vitale la connessione con l'esterno!).

Pertanto, l'uso di mattoni e cemento per gli spazi di apprendimento primari che si affacciano a nord ea sud è stato guidato principalmente dalla necessità di massa termica per stabilizzare le fluttuazioni di temperatura. Alla facciata nord è stata data un'articolazione giocosa e modulare creando un modello irregolare utilizzando grandi finestre, profonde scanalature e mensole leggere. L'atrio centrale, essendo prevalentemente uno spazio di movimento e ricreativo, è stato reso distinto dall'uso di acciaio e vetro, avvolto da una protezione solare in alluminio su misura.

Anche l'edificio 'respira' da solo; tutti i locali più grandi sono dotati di sensori C0² e sistemi di apertura delle finestre automatizzati che misurano la qualità dell'aria e aprono automaticamente le finestre in modo incrementale per ottimizzarla ed eliminare la necessità di aria condizionata. Inoltre, è stata data una priorità significativa alle prestazioni acustiche e il sistema appositamente progettato, integrato con l'illuminazione, è vitale per il successo degli spazi di apprendimento.

Gli spazi flessibili favoriscono l'impegno individuale e di gruppo al Parklands College

Collettivamente, le ali meridionali e orientali dell'edificio sono formate da tre grandi stanze di collaborazione, ciascuna con una serie di baccelli separativi più piccoli raggruppati lungo i fianchi. Regolabili e versatili, le sale sono progettate per ospitare fino a 150 studenti, ma possono anche essere adattate tramite schermi scorrevoli per diventare da due a tre spazi di apprendimento più piccoli per 30-40 studenti.

Una serie di diversi piccoli "pod" separatisti alimenta le sale di collaborazione più grandi e consente agli studenti di impegnarsi in gruppi più piccoli o in un tranquillo studio autonomo. Questi tornano su due cortili interni che li separano dall'ala nord; una serie di aule non specifiche progettate intenzionalmente quadrate per garantire che non ci siano davanti o dietro. Due più grandi spazi di apprendimento in stile workshop occupano il piano terra dell'ala nord e sono soprannominati "Robotics Lab" ed "Experium" (Maker Space).

L'idea è che questi spazi forniscano agli studenti l'opportunità di prototipare soluzioni a problemi del mondo reale utilizzando l'elettronica digitale, il design, l'artigianato e la costruzione. Al livello superiore, i baccelli separabili sono espressi come scatole sospese che si librano sopra i cortili, afferrate solo dalla parte superiore e inferiore della passerella in cemento. Infine, un percorso di circolazione continuo attraversa l'intero edificio in una figura tridimensionale "8" ed è attivamente popolato da una varietà di "momenti di ritrovo" incidentali. Il percorso di circolazione è stato progettato per garantire la libera circolazione di un gran numero di studenti e allo stesso tempo fornire collegamenti visivi tra i vari spazi dell'edificio.

Il Parklands College fa crescere le menti giovani, costruisce il futuro

Significato e innovazione incorporati nel design del nuovo "Innovation Centre" del Parklands College

In tutto l'edificio, ci sono diversi dettagli giocosi. Uno è il caratteristico schermo in alluminio perforato che inonda l'atrio di luce screziata. Il motivo incorporato sullo schermo è un sottile riferimento al concetto di codifica, in cui fori di diverse dimensioni creano un senso di apertura ma formano anche flussi verticali di punti luminosi che rivelano parole che riflettono l'ethos dell'edificio: "scoprire" e "innovare". '. Inoltre, i lampadari a sospensione ispirati al DNA nell'atrio ricordano agli studenti il ​​codice umano dentro di noi.

È importante sottolineare che questi grandi passi avanti in termini di flessibilità e multifunzionalità sono resi possibili non solo dall'architettura, ma anche da mobili innovativi e contenitori intelligenti che svolgono un ruolo di supporto significativo nel cambio di modalità. Questi includono mobili mobili che possono essere rapidamente organizzati in varie permutazioni, sia in virtù della leggerezza che della manovrabilità grazie alle ruote. Questo potrebbe essere uno spazio di archiviazione che funge anche da posti a sedere o invitanti angoli e trespoli per impegnarsi in una varietà di attività diverse. Un altro esempio sono i pannelli acustici intelligenti colorati che ospitano schermi, punti Wi-Fi e altre tecnologie. Sempre più spesso, la necessità di muoversi, sedersi, stare in piedi e persino sdraiarsi e imparare viene facilitata tramite banconi da bar, puff, pouf, grandi scale e angoli simili a caverne.

Mentre la pandemia ha messo in pausa l'anno di apertura dell'edificio, il nuovo centro è stato elogiato quando gli studenti sono tornati al campus. Gli spazi adattabili hanno permesso agli insegnanti di aumentare la superficie delle loro aule per garantire il distanziamento sociale senza bisogno di due aule e due insegnanti per ogni lezione. Inoltre, la connettività digitale, comprese le stanze separatiste con schermo verde, ha permesso agli studenti di connettersi facilmente e di stare a distanza dagli insegnanti, ma anche di rimanere coinvolti nel contenuto (e ha permesso agli insegnanti di pre-registrare le lezioni). Infine, tutti gli spazi didattici e le sale separate hanno un'acustica eccellente, luce naturale e ventilazione incrociata senza abbagliamento, che ha reso gli spazi ideali per l'utilizzo della tecnologia pur rimanendo in collaborazione.

COVID-19, Scuole Private e Tasse Scolastiche – ISASA

 

Se hai un commento o ulteriori informazioni su questo post, condividilo con noi nella sezione commenti qui sotto

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome