CasaGrandi progettiAggiornamenti del Lesotho Highlands Water Project (LHWP), Sudafrica

Aggiornamenti del Lesotho Highlands Water Project (LHWP), Sudafrica

Autorità per lo sviluppo degli altopiani del Lesotho (LHDA) ha aggiudicato la gara per la costruzione del Polihali Operations Center a L&M, joint venture tra le imprese del Lesotho Costruzione LSP e registrato in Sud Africa Costruzione Mofomo. L'edificio del centro è una componente vitale della Fase II dell'infrastruttura avanzata del Lesotho Highlands Water Project (LHWP). Dopo la consegna dell'immobile nel mese di marzo, sono già iniziati i lavori di sistemazione del sito. Il progetto da M97 milioni dovrebbe essere completato entro ottobre 2023.

Secondo Ntsoli Maiketso, manager della divisione LHDA Fase II, questo è il terzo di quattro contratti di costruzione da emettere, appositamente confezionati per aumentare il coinvolgimento delle piccole e medie imprese nella Fase II. Arriva sulla scia dei contratti emessi alla fine del 2021 per lo sviluppo del Polihali Village e dei lavori di ristrutturazione di Katse Lodge e Katse Village. Tutti e tre fanno parte dell'infrastruttura avanzata di Fase II, la maggior parte delle quali sarà completata prima della costruzione della diga.

Panoramica del progetto del centro operativo di Polihali

Ricerca di progetti di costruzione
  • Regione / Paese

  • Sector

Il centro operativo di Polihali è un ufficio a più piani e un centro visitatori con un auditorium, sale riunioni e una sala espositiva. I lavori includono anche parcheggi sotterranei e lavori all'aperto come collegamenti di servizio ai confini della proprietà, miglioramenti stradali all'interno del sito, asfalto e paesaggistica. Durante la costruzione della diga, il centro operativo fungerà da ufficio dell'ingegnere per la diga di Polihali.

Una volta completata, la diga conterrà gli uffici del personale operativo dell'LHDA e il centro informazioni per i visitatori, che fungerà da hub di informazioni LHWP per i visitatori della regione. Consulenti Infrastrutture Polihali, composto dal Sudafrica Mott MacDonald PDNA e Khatleli Tomane Moteane Architects del Lesotho, nel 2015 hanno ottenuto l'appalto per l'edilizia abitativa e la progettazione della pianificazione delle infrastrutture associate e la supervisione della costruzione. La Fase II del LHWP si basa sul successo della Fase I, che è stata completata nel 2003.

Sfondo del progetto 

Istituito attraverso un Trattato firmato tra i Governi del Regno del Lesotho e della Repubblica del Sud Africa nel 1986, il Progetto per l'acqua nelle Highlands del Lesotho (LHWP) è riconosciuto come uno dei sistemi di gestione delle risorse idriche transfrontaliere di maggior successo al mondo.

L'LHWP dovrebbe mettere in atto la capacità fisica e gestionale per il Lesotho di sfruttare l'acqua in eccesso del fiume Senqu/Orange e dei suoi affluenti al fine di influenzare la consegna di quantità specifiche di acqua allo sbocco designato nella Repubblica del Sud Africa e utilizzando tale sistema di consegna per generare energia idroelettrica nel Regno del Lesotho.

Finanziamento del progetto

Il governo sudafricano è responsabile dei costi di sviluppo delle infrastrutture associati alla componente di trasferimento dell'acqua, inclusi il ripristino dei mezzi di sussistenza e i costi di compensazione, nonché i costi dei programmi ambientali e di salute pubblica.

Il governo del Lesotho, d'altra parte, è responsabile dei costi di sviluppo delle infrastrutture associati alla componente idroelettrica, compresi i costi di ripristino e compensazione dei mezzi di sussistenza, nonché i costi dei programmi ambientali e di salute pubblica.

Ad oggi, 46 contratti sono stati aggiudicati nel nostro processo di appalto. Di seguito è riportata la cronologia del progetto e tutto ciò che devi sapere: Leggi anche: Cronologia del progetto della centrale idroelettrica di Rusumo e tutto ciò che devi sapere

Cronologia del progetto
1986

In ottobre, a Maseru è stato firmato il Trattato sul Lesotho Highlands Water Project (LHWP) tra il governo del Lesotho e il governo della Repubblica del Sud Africa, il cui scopo è fornire l'istituzione, l'attuazione, il funzionamento e il mantenimento del progetto. , Lesoto.

L'LHWP è stato originariamente progettato per includere quattro fasi implementate in un periodo di 30 anni e prevedeva di trasferire circa 70 m3/s di acqua alla provincia di Gauteng in Sud Africa. Tuttavia, le Parti si sono impegnate solo nella Fase I, con le fasi successive soggette ad accordo tra le Parti. La fase I del progetto è stata completata in più fasi, vale a dire. Fase IA e Fase IB. È stato progettato per trasferire in media 25 metri cubi di acqua al secondo.

La fase IA comprendeva la costruzione della diga di Katse, il tunnel di trasferimento rivestito in cemento attraverso il quale l'acqua scorre per gravità verso la centrale idroelettrica di Muela, la centrale di Muela, la diga di Muela e il tunnel di consegna attraverso il quale l'acqua scarica nel fiume Ash, a nord di Clarens in Sud Africa. La fase IB comprendeva la costruzione della diga di Mohale e di un tunnel a gravità rivestito di cemento che collegava il bacino idrico di Mohale con il bacino idrico di Katse.

Un componente aggiuntivo della fase IB è stato lo sbarramento di deviazione Matsoku alto 19 m e il tunnel di interconnessione per trasferire l'acqua dalla valle di Matsoku al bacino idrico di Katse.

1998

A gennaio è iniziato il trasferimento dell'acqua dalla Fase I.

1999

A gennaio è stata avviata la produzione di energia idroelettrica.

2003

La fase I è stata completata con successo.

2004

La fase I è stata commissionata.

2011

Firmato l'accordo per la Fase II.

2013

A metà del 2013 l'Accordo è stato successivamente ratificato dai due governi. Questo è stato seguito dalla nomina dell'Unità di Project Management specializzata all'interno dell'LHDA per supervisionare l'attuazione della Fase II e l'avvio pratico di questa seconda fase del Progetto.

Come nella prima fase, la fase II comprende il trasferimento dell'acqua e le componenti idroelettriche. Comprende la diga di Polihali da costruire a valle della confluenza dei fiumi Khubelu e Senqu nel distretto di Mokhotlong negli altopiani orientali del Lesotho, un tunnel di trasferimento dell'acqua lungo 38 km che collegherà il bacino idrico di Polihali al bacino idrico di Katse e strade, ponti, linee elettriche ad alta tensione e sistemi di telecomunicazioni, strutture ricettive e di costruzione che costituiscono l'infrastruttura avanzata e che saranno in gran parte completate prima dell'inizio della costruzione della diga e del tunnel.

Ulteriori studi di fattibilità per la componente idroelettrica della Fase II hanno concluso che l'energia idroelettrica convenzionale è l'opzione più fattibile per soddisfare il fabbisogno energetico del Lesotho. A questo proposito sono stati individuati tre potenziali siti: due sul fiume Senqu e il terzo sito a Oxbow sul fiume Malibamats'o. Il piano prevede di iniziare la progettazione dell'opzione preferita nel 2021, la costruzione nel 2024, e commissionarla contemporaneamente alla componente Water Transfer, che è il 2027.

Giugno 2014

In corso la seconda fase del progetto idrico delle Highlands del Lesotho

La seconda fase del Lesotho Highlands Water Project, un progetto bi-nazionale tra i governi del Lesotho e del Sud Africa, è stata lanciata di recente e dovrebbe costare 1.3 miliardi di dollari.

Il trattato firmato tra i due governi stabilirà strutture rilevanti che aiuteranno a realizzare l'intero progetto.

La prima fase del progetto è stata suddivisa in 1A e 1B. Le principali caratteristiche fisiche della Fase 1A sono la diga di Katse, il tunnel di trasferimento da Katse alla centrale idroelettrica di Muela, la centrale idroelettrica di Muela e le pertinenze e il tunnel di consegna al confine con il Sud Africa. La fase 1B prevedeva la costruzione delle dighe di Mohale, il tunnel di deviazione per la diga di Katse.

La seconda fase del Lesotho Highlands Water Project comprenderà la costruzione della diga Polihali alta 155 metri e dei tunnel.

Secondo il presidente del Sudafrica Jacob Zuma, l'intero progetto è una buona opportunità per entrambi i paesi poiché creerà un buon rapporto tra gli stati e creerà anche occupazione.

Il presidente ha anche osservato che attraverso il progetto, il Sudafrica sarà in grado di ottenere acqua dato che ha scarse risorse idriche. D'altra parte, il Lesotho sarà in grado di guadagnare entrate sufficienti per soddisfare la sua popolazione.

Dall'inizio del progetto nel 1998, il Lesotho ha beneficiato di ammodernamenti e collegamenti stradali e dello sviluppo delle infrastrutture.

Completato il progetto di fase II del Lesotho Highlands per 2023

La fase II del Lesotho Highlands Water Project (LHWP), che dovrebbe costare 1.06 miliardi di dollari, sarà completata entro la metà del 2023. Questo secondo il Lesoto Autorità per lo sviluppo delle Highlands. La fase comporterà la costruzione della diga di Polihali, un tunnel e diversi sviluppi.

Secondo Mark Matchett, direttore esecutivo del progetto di Fase II, il processo di appalto del progetto durerà da sei a nove mesi concentrati su cui l'autorità spera di aver aggiudicato la maggior parte dei contratti di progettazione. Entro la metà del 2015 la costruzione, i contratti avrebbero dovuto essere stipulati.

Matchett ha aggiunto che i progetti di dighe e tunnel inizieranno nel primo o nel secondo trimestre del prossimo anno, mentre il processo di costruzione effettivo inizierà nel terzo o nel quarto trimestre del 2015. Una piovosità sufficiente consentirebbe un livello operativo minimo entro il 2022.

Ha anche notato che progetti come studi ambientali, reinsediamento, piani di mitigazione e compensazione erano già iniziati e saranno completati alla fine di ottobre o all'inizio di novembre 2014. 2500 lavoratori aiuterebbero nell'intero processo e si svilupperebbe una township con logge esistenti per provvedere all'alloggio di questi lavoratori.

Tente Tente, il responsabile divisionale del progetto di Fase II, ha affermato che era in atto una politica anticorruzione per garantire che durante il processo di appalto non venissero praticate tattiche subdole.

Il progetto Lesotho Highlands è un programma congiunto tra Lesotho e Sudafrica.

luglio 2015

Inviti a presentare offerte per la fase 2 del progetto Lesotho Highlands Water

Le società di servizi professionali sono state invitate dalla Lesotho Highlands Development Authority (LHDA) a presentare le loro proposte per la valutazione dell'impatto ambientale e sociale (ESIA) per il bacino idrico Polihali e le infrastrutture associate che fanno parte della Fase 2 del Bi-National Lesotho Highlands Water Project (LHWP).

La società che sarà scelta avrà il compito di studi ambientali e sociali per la diga di Polihali, la diga e il bacino idrico di Saddle, le cave e i pozzi di prestito, il tunnel di trasferimento orientale, i ponti e le strutture del sito di progetti abitativi.

Il programma ESIA è stato allineato strettamente con il programma per i consulenti di progettazione per le varie componenti del progetto. L'offerente selezionato lavorerà sia con autorità esterne che con qualsiasi altro consulente responsabile dei servizi sociali, ambientali, del patrimonio culturale, della salute pubblica e dell'ingegneria sul progetto.

Alcuni dei lavori che entreranno nella fase 2 del Lesotho Highlands Water Project includono lavori stradali, deviazioni di tunnel, alimentazione elettrica, costruzione di ponti e telecomunicazioni. Le aziende interessate dovrebbero presentare le loro proposte entro il 14 settembre 2015. Ci sarà anche un incontro pre-gara obbligatorio e una visita al cantiere che avrà luogo il 15 luglio 2015.

Luglio 2016

Le accuse di corruzione hanno colpito il progetto idrico da miliardi di dollari del Sud Africa

I reclami per corruzione hanno colpito il progetto idrico del Sud Africa da miliardi di dollari

Il ministro per gli affari idrici e i servizi igienico-sanitari Nomvula Mokonyane è sotto i riflettori a seguito di un nuovo rapporto secondo cui ha deliberatamente ritardato il progetto idrico da un miliardo di dollari del Sud Africa che presumibilmente avrebbe assegnato contratti con una società con cui ha una relazione di lunga data.

Un rapporto di City Press rivela che il Lesotho Highlands Water Project è stato ritardato di oltre un anno a causa dell'intervento diretto di Mokonyane, afferma il rapporto, spingendo la data di completamento al 2025 e spingendo il prezzo fino a 1.8 miliardi di dollari.

Questo è secondo un rapporto della City Press, osservando che il Public Protector in Sud Africa incontrerà Mokonyane sulla questione questa settimana. L'intero progetto è finanziato dai contribuenti.

Alti funzionari hanno detto alla City Press che il ritardo del progetto per l'acqua da miliardi di dollari del Sud Africa è stato forzato da Mokonyane in modo che la società di consulenza, LTE Consulting, potesse essere coinvolta.

Il rapporto schiacciante rivela che LTE ha ottenuto 347 milioni di dollari di contratti in acqua e servizi igienico-sanitari nell'ultimo anno. È stato inoltre riscontrato che la società aveva donato fondi per sostenere l'ANC.

I rapporti osservano che LTE avrebbe contattato e pagato i delegati coinvolti nel progetto rifiutandosi di seguire una procedura di appalto ma optando invece per incontrare direttamente Mokonyane.

Successivamente, le offerte per una serie di offerte - provenienti da altre società - sono state respinte dal dipartimento subito dopo.

Il rapporto della City Press fornisce un resoconto dettagliato di molte pratiche di assunzione e licenziamento intraprese dal ministro e dal suo dipartimento, presumibilmente con l'obiettivo di coinvolgere persone "favorevoli" nel progetto.

Ciò includeva l'allontanamento di funzionari che avevano negato opportunità di appalto a LTE Consulting.

Tuttavia, da parte sua, il ministro Mokonyane ha negato ogni addebito. Ha definito false e maliziose le accuse mosse contro di lei. Ha detto che i ritardi nel progetto avrebbero dovuto incorporare la tanto necessaria "trasformazione", a beneficio delle società di proprietà dei neri.

ott 2016

Completamento del progetto Lesotho Highland Water Fase II fissato per il 2025

Completamento del progetto Lesotho Highland Water Fase II fissato per il 2025

Lo ha detto il ministro sudafricano per l'acqua e i servizi igienico-sanitari Nomvula Mokonyane Altopiani del Lesotho La fase II del progetto sull'acqua (LHWP) sarà completata nel 2025. Il ministro ha recentemente fatto l'annuncio quando è apparsa davanti alla commissione Portfolio sull'acqua e i servizi igienico-sanitari in Parlamento.

Il ministro Mokonyane ha affermato che il progetto idrico assicurerà che il paese sia in una posizione migliore per affrontare gli effetti derivanti dal cambiamento climatico. Il ministro ha affermato che come ministero e governo hanno imparato molto dalla Fase 1 che aiuterà nella corretta attuazione della Fase 11

La Fase II del Lesotho Highlands Water Project, essendo il più grande progetto idrico del suo genere attualmente in fase di attuazione nel mondo, andrà a beneficio degli interessi nazionali, regionali e internazionali sia del Sud Africa che del Lesotho.

Il ministro ha aggiunto che questi vantaggi non si limitano solo all'approvvigionamento idrico; si estendono al miglioramento economico in linea con i principi dell'empowerment economico nero di ampia base.

Nel frattempo, il ministro Mokonyane ha informato il comitato di portafoglio che sarebbe gravemente sbagliato credere che gli attuali problemi idrici che il paese deve affrontare sia il risultato del ritardo nel completamento dell'LHWP.

"Il progetto non avrebbe mai dovuto essere operativo nel 2016."

Il ministro ha imputato la gravità dell'attuale situazione di siccità alle condizioni climatiche sfavorevoli e agli alti livelli del fenomeno El Nino che ha colpito le coste del Paese provocando visibili livelli di diga ad effetto battente, culminati con la carenza d'acqua e il Paese che registra le precipitazioni più basse in 95 anni.

Ha fatto appello alle persone affinché riconoscano che sia il Sud Africa che il Lesotho hanno ampiamente beneficiato del completamento della Fase I attraverso la fornitura di acqua pulita, di cui godono i sudafricani.

Tuttavia, ha affermato che c'è stato un beneficio minimo in termini di emancipazione economica, competenze e sviluppo sociale per le persone di entrambi i paesi.

Feb 2017

Le richieste di fallimento hanno colpito il progetto per l'acqua di Lesotho Highlands

Le richieste di fallimento hanno colpito il progetto per l'acqua di Lesotho Highlands

Il Lesotho Highlands Water Project (LHWP) ha recentemente incontrato un blocco stradale a causa di alcune accuse avanzate dalla stampa cittadina che accusa il Dipartimento dell'acqua e dei servizi igienico-sanitari del Sud Africa di essere in bancarotta e di avere un debito pari a ben 3.2 milioni di dollari, che li rende incapaci di portare a termine alcuni progetti cruciali nel Paese.

Il ministro del Dipartimento dell'acqua e dei servizi igienico-sanitari del Sud Africa, Nomvula Paula Mokonyane ha tuttavia negato queste accuse attraverso una dichiarazione del suo ufficio in cui afferma che il dipartimento non è indebitato sostenendo di avere ancora fondi sufficienti che dureranno fino alla fine del l'anno finanziario.

"Il dipartimento non è indebitato dove siamo, abbiamo ancora finanziamenti sufficienti fino alla fine dell'anno finanziario," Nomvula Mokonye confermato. La Procura sta però attualmente indagando sul progetto che vale circa 190 milioni di dollari. L'ufficio di Mokonyane ha inoltre insistito sul fatto che il ministro respinge le accuse in quanto infondate, prive di basi fattuali, e rifiuta di essere intimidito da tali azioni.

I cittadini possono solo attendere una relazione del ministero per conoscere finalmente l'esito, ma secondo la stampa cittadina, un funzionario del tesoro ha affermato che la gestione dei progetti e dei contratti in quel dipartimento è completamente crollata con la sconvolgente rivelazione di irregolarità sul spesa di ulteriori 190 milioni di dollari

Il Lesotho Highlands Water Project (LHWP) è un progetto di approvvigionamento idrico in corso con una componente idroelettrica, sviluppato in collaborazione tra i governi del Lesotho e del Sud Africa. Il mega progetto comprende un sistema di numerose grandi dighe e tunnel in tutto il Lesotho e il Sud Africa.

In Lesotho, coinvolge i fiumi Malibamatso, Matsoku, Senqunyane e Senqu mentre in Sud Africa coinvolge il fiume Vaal, rendendolo il più grande schema di trasferimento dell'acqua dell'Africa.

Marzo 2017

LHDA organizza un seminario per affrontare la politica di compensazione di Fase II di LHWP

Un seminario di revisione è stato recentemente tenuto dalla Lesotho Highlands Development Authority (LHDA) dopo l'approvazione del Lesotho Highlands Water Politica retributiva di fase II del progetto (LHWP).

La Politica di Remunerazione di Fase II, così come sviluppata dall'LHDA, è stata elaborata tenendo conto delle lezioni apprese dalla Fase I del progetto, consentendo anche la partecipazione delle parti interessate al suo sviluppo. Il ministro dell'acqua del Lesotho, Kimetso Mathaba, ha confermato che l'attuazione della politica sarà una piattaforma per consentire ai partecipanti di condividere la comprensione del documento. 

Questo è con la speranza che il forum fornisca chiarezza sui problemi di compensazione che potrebbero dover essere discussi o spiegati alle comunità interessate dall'attuazione del LHWP. Al seminario, Mathaba ha affermato che la Costituzione del Lesotho e il Trattato che ha istituito il LHWP richiedono che tutte le perdite subite dalle comunità, a seguito dell'attuazione del progetto, siano compensate.

Anche l'amministratore delegato dell'LHDA, Refiloe Tlali, ha tenuto una presentazione al seminario, affermando l'impegno dell'LHDA per il ripristino e il miglioramento dei mezzi di sussistenza delle comunità interessate dal progetto. Ha anche menzionato l'impegno di un consulente da parte di LHDA per assistere nell'identificazione delle opzioni di ripristino e diversificazione dei mezzi di sussistenza che saranno pianificate con le famiglie e le comunità colpite sin dalle prime fasi del programma di Fase II.

Questo mira a promuovere la sostenibilità. Al seminario hanno partecipato i principali capi di Mokhotlong e Malingoaneng, ministri dei collegi elettorali di Mokhotlong e rappresentanti degli uffici dell'amministrazione distrettuale e dei consigli distrettuali di Mokhotlong, Leribe e Thaba-Tseka. L'imminente costruzione della Fase II dell'LHWP vedrà la costruzione della diga di Polihali.

Il muro dovrebbe essere alto 165 metri e la costruzione di un tunnel lungo 38 chilometri trasferirà l'acqua dal bacino di Polihali al bacino di Katse, con conseguente costruzione dello schema idroelettrico.

Giugno 2017

Lavorare alla seconda fase del progetto Lesotho Highlands Water per iniziare

Come la seconda fase del Lesotho Highlands Water Il progetto è prossimo all'inizio, presto verranno pubblicizzate gare d'appalto per la costruzione del valore compreso tra $ 78,000 e $ 78 milioni. Questo è secondo il direttore esecutivo del progetto, Mark Matchett.

Il progetto che sembra essere una joint venture tra SA e Lesotho non solo fornirà acqua a Gauteng, ma genererà lavoro a migliaia per le persone che vivono nelle aree.

La prima fase è stata avviata trent'anni fa, con la fornitura di acqua ed elettricità rispettivamente al Sud Africa e al Lesotho dalle dighe di Katse e Mohale. La seconda fase vedrà un aumento dell'acqua fornita al Sud Africa da 780 milioni a 1.37 miliardi di metri cubi all'anno.

Inoltre, il Lesotho otterrà un progetto idroelettrico che servirà allo scopo di renderlo autosostenibile in termini di elettricità. Trans Caledon Tunnel Authority gestisce il progetto per SA. La Lesotho Highlands Development Authority lo gestisce per il Lesotho.

Matchett ha detto che ci sarebbero circa 20 contratti di costruzione, inclusi strade, ponti, linee elettriche di massa, telecomunicazioni, reinsediamento di circa cinque villaggi, la diga e 38 km di tunnel di trasferimento.

I lavori dovrebbero iniziare tra due anni per essere completati entro il 2024. Il tunnel di trasferimento inizierà un anno dopo per essere completato nel 2025.

Il finanziamento per il progetto, secondo Nhlanhla Nkabinde, dirigente di finanza di progetto e tesoreria di Trans Caledon, proverrà da nuovi Obbligazioni quotate su JSE così come la tariffa applicata agli utenti dell'acqua e una tassa sull'industria mineraria per riparare il drenaggio acido delle miniere.

Trans Caledon ha emesso obbligazioni più di 20 anni fa per finanziare la prima fase e estenderebbe il programma per la fase due. Tente Tente, il manager di divisione della fase due, ha detto che agli offerenti del Lesotho sarebbe stata data la preferenza, seguiti da quelli della SA e poi della Comunità per lo sviluppo dell'Africa meridionale.

Luglio 2017

Gli ingegneri di consulenza LYMA siglano un accordo sul progetto idrico per $ 32.9m

Gli ingegneri di consulenza LYMA siglano un accordo sul progetto idrico per $ 32.9m
Foto grandangolare del muro della diga Katse in Lesotho

LYMA Consulting Engineers fa parte di un consorzio che si è aggiudicato l'appalto per la progettazione e direzione lavori della diga di Polihali. L'appalto è stato aggiudicato nell'ambito della seconda fase del Progetto acqua Lesotho Highlands Ingegneri di consulenza LYMA (LHWP).

L'Autorità per lo sviluppo delle Highlands del Lesotho (LHDA), l'amministratore delegato Refiloe Tlali, ha rivelato all'inizio di questa settimana che LYMA aveva ricevuto il contratto che è il premio più alto fino ad oggi nel progetto bi-nazionale.

Il consorzio Matla a Metsi è una joint venture che comprende LYMA, GIBB (Pty) Ltd e Mott MacDonald Africa (Pty) Ltd (entrambi dal Sud Africa) e Tractebel Engineering SA/ Coyne et Bellier dalla Francia. Secondo quanto riferito, YMA detiene il 18% delle azioni del consorzio.
Secondo la signora Tlali, la joint venture dovrebbe rivedere le informazioni sul progetto e tutto ciò che comporta. Ha inoltre aggiunto che il contratto dovrebbe essere completato nei prossimi 18 mesi.

Il progetto LHWP prevede di sfruttare le acque del fiume Senqu/Orange negli altopiani del Lesotho attraverso la costruzione di una serie di dighe a beneficio reciproco dei due paesi. La fase I dell'LHWP, costituita dalle dighe di Katse e Mohale, dalla centrale idroelettrica 'Muela e dalle relative gallerie, è stata completata nel 2003 e inaugurata nel 2004. La fase II dell'LHWP è attualmente in corso.

La componente di trasferimento dell'acqua della fase II comprende una diga di riempimento in roccia con rivestimento in cemento alta circa 165 m a Polihali a valle della confluenza dei fiumi Khubelu e Senqu (arancione) e un tunnel a gravità rivestito in cemento lungo circa 38 km che collega il bacino idrico di Polihali al Katse serbatoio. Altre attività di Fase II includono infrastrutture avanzate e l'attuazione di misure di mitigazione ambientale e sociale.

La componente idroelettrica della Fase II, attualmente oggetto di ulteriori studi di fattibilità, può comprendere uno schema di accumulo di pompaggio, energia idroelettrica convenzionale come l'ampliamento dell'infrastruttura 'Muela o nuovi siti greenfield. La sua forma esatta sarà determinata al termine degli ulteriori studi di fattibilità. La fase II dovrebbe essere sostanzialmente completata entro la fine del 2024.

Ha detto che il processo di sequestro della diga dovrebbe avvenire durante la stagione delle piogge nel 2023, in modo che il trasferimento di acqua in Sud Africa inizierà alla fine del 2025.

ott 2017

Sono aperte le offerte per la costruzione del progetto per l'acqua del Lesotho Phase 2

Lesotho_water_project

La costruzione della Fase 2 del progetto idrico del Lesotho inizierà il prossimo anno. Questo è in seguito alla pubblicità della prima delle 20 offerte all'inizio di questa settimana. La fase 2 comprende un'ampia gamma di contratti piccoli e grandi. Inoltre, Lesotho Highlands Development Agency (LHDA) Il Divisional Manager della Fase 2, Tente Tente, afferma che molte altre gare d'appalto saranno messe in circolazione da qui a metà 2019.

Componenti dell'infrastruttura

La strada di accesso a nord-est di Polihali è una delle prime infrastrutture avanzate per la gara. L'offerta è stata pubblicizzata alla fine di settembre e le offerte dovrebbero rispettare la scadenza di dicembre 17.

La LHDA afferma che sarà data la preferenza ai cittadini del Lesotho e ai cittadini sudafricani. Saranno presi in considerazione anche i professionisti della regione della Comunità di sviluppo dell'Africa australe. Gli offerenti internazionali sono soggetti a condizioni di qualità, competitività, trasparenza ed efficacia in termini di costi.

Tente ha affermato che il primo trimestre del 2018 segnerà l'inizio di un periodo di costruzione di sei anni per la seconda fase del progetto. La maggior parte delle componenti infrastrutturali avanzate deve raggiungere il completamento prima della costruzione delle opere principali della Fase 2. Ciò include la diga di Polihali e il tunnel di trasferimento.

Leggi anche: Completamento della fase II del progetto Highland Water del Lesotho fissato per il 2025

Il componente di trasferimento dell'acqua di Phase 2 dell'LHWP avrà un costo di $ 1.7m al completamento in 2025. Il progetto prevede anche una componente idroelettrica. La LHDA afferma che le competenze e il trasferimento tecnologico sono stabiliti nei documenti di localizzazione e di contratto.

Al culmine del periodo di costruzione, la Fase 2 darà lavoro a un numero compreso tra 2 000 e 3 000 Basotho. La fase 2 aumenterà l'attuale tasso di fornitura di 780 milioni di metri cubi all'anno in modo incrementale a oltre 1.26 miliardi di metri cubi all'anno.

Feb 2019

Inizia la fase 2 del progetto Lesotho Highlands Water

Inizia la fase 2 del progetto Lesotho Highlands Water

La costruzione della diga di Polihali, parte integrante del Lesotho Highlands Water Project Phase 2, inizierà presto e il suo sequestro dovrebbe iniziare nella seconda metà del 2023.

Il progetto idrico che comprende il tunnel di trasferimento Polihali-Katse è uno sforzo combinato dei governi del Sud Africa e del Lesotho. La fase 2 di LHWP è il risultato del completamento con successo della Fase 1 nel 2003. Il suo costo stimato è di un totale di 1.3 miliardi di dollari USA.

Diga di Polihali

La diga sarà costruita a valle del fiume Seqhu e del fiume Khubelu. Avrà un muro di sbarramento in roccia con rivestimento in cemento alto 163.5 m con uno sfioratore a canale laterale in cemento. L'approvvigionamento idrico inizierà solo quando il serbatoio si sarà riempito completamente.

La data di completamento prevista è stata fissata al 2024, data in cui l'acqua prevista per l'approvvigionamento in Sud Africa sarebbe una stima di 780 milioni di metri cubi all'anno nei successivi 20 anni.

La lunghezza della cresta sarà di 915 m, con una torre di scarico di compensazione autoportante. Tunnel di trasferimento Polihali-Katse. Questo tunnel sarà lungo 38.2 km con un diametro medio di 5 m. La prima fase di questo progetto è stata costituita dalle dighe di Katse e Mohale, la centrale idroelettrica di Muela, completata nel 2003 e inaugurata nel 2004.

La diga di Katse si trova a circa 2,000 m sul livello del mare ed è una delle 10 dighe ad arco in cemento più grandi del mondo in termini di volume. È anche il muro di diga più alto dell'Africa. Il progetto idroelettrico di Muela è alimentato dal bacino idrico di Katse attraverso un tunnel di trasferimento rivestito di cemento lungo 45 km che ha un diametro di circa 4.35 m. Il principale vantaggio di questo progetto è che genera quasi l'85% dell'elettricità del Lesotho.

Aprile 2019

La seconda fase dei tunnel di diversione Polihali in Lesotho inizierà ad aprile

La seconda fase dei tunnel di diversione Polihali in Lesotho inizierà ad aprile

Lesotho Highlands Development Authority (LHDA) ha annunciato l'appaltatore vincitore per la costruzione dei tunnel di diversione di Polihali mentre inizia l'attuazione della fase due del Lesotho Highlands Water Project (LHWP II).

LHDA ha assegnato alla joint venture (JV) SCLC Polihali Diversion Tunnel il contratto per il progetto e dovrebbe essere in loco ad aprile 2019 per iniziare i lavori di costruzione prima della scadenza di 18 mesi. La joint venture SCLC Polihali Diversion Tunnel è composta dalle filiali sudafricane di CMC di Ravenna, Salini Impregilo, CMI Infrastructure e LSP Construction con sede in Lesotho.

“I tunnel di deviazione sono importanti per facilitare la costruzione della diga di Polihali. Tale realizzazione costituisce un elemento cruciale delle opere infrastrutturali avanzate, iniziate verso la fine del 2018 con l'aggiudicazione degli appalti per le opere civili della strada di accesso Katse e Mokhotlong Polihali North East. Si stima che il progetto costerà 36 milioni di dollari", ha affermato Tente Tente, divisional manager di LHDA.

Il Sig. Tente aggiunge che l'infrastruttura avanzata sarà in gran parte completata prima dell'inizio dei lavori di costruzione della diga di Polihali e del tunnel di trasferimento dell'acqua da Polihali a Katse.

Diga Polihali

Sulla diga di Polihali sarà costruita a valle del fiume Seqhu e del fiume Khubelu. Avrà un muro di sbarramento in roccia con rivestimento in cemento alto 163.5 m con uno sfioratore a canale laterale in cemento. L'approvvigionamento idrico inizierà solo quando il serbatoio si sarà riempito completamente.

Saranno costruiti due tunnel di deviazione per deviare l'acqua dal fiume Senqu. La costruzione dei due tunnel aumenterà la sua capacità di sopportare le inondazioni, fornendo anche flessibilità per lavorare in un tunnel mentre il fiume scorre nell'altro.

Le gallerie, che hanno un diametro di 7 metri e una lunghezza di quasi 1 km, altri 9 metri di diametro e una lunghezza di quasi 1 km, correranno parallele tra loro dal punto di presa allo scarico a valle della diga.

Inoltre, i tunnel saranno scavati con il metodo drill and blast e saranno supportati da bulloni da roccia e calcestruzzo proiettato, come richiesto. I tunnel di deviazione sono stati progettati da Metsi a Senqu-Khubelu Consultants JV che sono anche i supervisori del progetto.

Il progetto che fornisce acqua alla regione di Gauteng in Sud Africa e genera energia idroelettrica per il Lesotho aumenterà l'attuale tasso di approvvigionamento idrico di 780 milioni di metri cubi all'anno a oltre 1.27 miliardi di metri cubi all'anno e aumenterà anche la produzione di elettricità.

agosto 2019

Inizia l'infrastruttura stradale per la fase II del Lesotho Highlands Water Project

Inizia l'infrastruttura stradale per la fase II del Lesotho Highlands Water Project

È iniziata l'infrastruttura stradale per il progetto idrico delle Highlands della fase II del Lesotho. Il Lesotho Highlands Development Authority (LHDA) ha annunciato il rapporto e ha dichiarato di aver aggiudicato due contratti separati per la costruzione rispettivamente della joint venture Polihali Western Access Road (PWAR) (West and East) e Rumdel / AC JV.

La fase II del Lesotho Highlands Water Project si basa sul completamento con successo della Fase I nel 2003. Fornisce acqua alla regione di Gauteng in Sud Africa e utilizza il sistema di distribuzione dell'acqua per generare energia idroelettrica per il Lesotho. La fase II aumenterà l'attuale tasso di approvvigionamento idrico di 780 milioni di metri cubi all'anno in modo incrementale a oltre 1,270 milioni di metri cubi all'anno.

Progetto idrico di fase II Lesotho Highlands

LHDA ha sottolineato che le strade sono il quinto e il sesto di circa una dozzina di contratti per infrastrutture avanzate per LHWP. I lavori di costruzione per PWAR dovrebbero essere completati entro l'11 giugno 2021, mentre i lavori di PWAR East, iniziati il ​​23 luglio 2019, dovrebbero essere completati entro il 22 giugno 2021.

La sezione occidentale PWAR è una strada lunga 21.44km tra Ha Seshote e il fiume Semenanyane mentre la sezione orientale è una strada lunga 32.86km tra il fiume Semenanyane e il sito della diga di Polihali.

La PWAR sarà costruita in una strada a due corsie standard ingegnerizzata con spalle a superficie e corsie di passaggio. Alcune sezioni della strada seguono una pista di ghiaia esistente che verrà convertita in una strada asfaltata progettata. Altre sezioni della strada seguono un nuovo percorso per migliorare gli allineamenti verticali e orizzontali.

Ci sarà anche la costruzione di tre nuovi ponti, incluso un nuovo ponte sul fiume Matsoku, il sistema di drenaggio delle acque piovane e le strade ausiliarie che fanno parte dei lavori di costruzione stradale della PWA.

"Le strade di qualità costruite nell'ambito della Fase II non solo forniranno l'accesso al cantiere della diga di Polihali, ma influenzeranno anche in modo significativo la crescita economica sostenibile attraverso il turismo e lo sviluppo industriale", ha affermato Tente Tente, che agisce CE dell'LHDA.

ott 2019

LHDA si aggiudica il contratto per la costruzione della linea elettrica 132kV da Matsoku a Polihali

trasmissione di potenza Ghana

Autorità di sviluppo del Lesotho Highlands (LHDA) ha annunciato che ha assegnato Mkhulu Electro Distribution Projects (Pty) Ltd il contratto per la costruzione di una linea elettrica 132kV da Matsoku a Polihali.

Mkhulu EDP è una società di gestione di progetti con sede in Sudafrica con una vasta esperienza nella costruzione di linee aeree e progetti di ingegneria civile in tutta la regione.

Funziona in base al presente contratto

Secondo questo accordo, Mkhulu Electro Distribution Projects (Pty) Ltd dovrebbe costruire una nuova linea 132kV tra quella esistente Lesotho Electricity Company (LEC) rete di trasmissione nella valle di Matsoku e nel cantiere della diga di Polihali, a una distanza di circa 38 chilometri.

L'appaltatore dovrebbe anche aggiornare le linee LEC esistenti da Ha Lejone a Matsoku e da Maputsoe a Katse. L'aggiornamento comprende l'installazione di isolamento e schermatura dei conduttori di terra. Inoltre, Mkhulu Electro Distribution Projects (Pty) Ltd si occuperà dell'installazione di una linea di comunicazione con filo di terra ottico (fibra) da Maputsoe a Katse e Polihali. Questa linea è progettata per migliorare la comunicazione nell'area del progetto.

Questo progetto è una componente essenziale della Fase II del Progetto Acqua del Lesotho Highlands la cui attuazione è iniziata nel settembre dello scorso anno con un periodo di esecuzione di due anni.

Fase II del Progetto Acqua del Lesotho Highlands

La Fase II del Lesotho Highlands Water Project è stata ispirata dal completamento con successo della Fase I nel 2003. Quest'ultima fornisce acqua alla regione di Gauteng in Sud Africa e utilizza il sistema di distribuzione dell'acqua per generare energia idroelettrica per il Lesotho. La fase II dovrebbe aumentare l'attuale tasso di approvvigionamento idrico di 780 milioni di metri cubi all'anno a oltre 1 270 milioni di metri cubi entro lo stesso periodo.

Inoltre, intensificherà la quantità di elettricità generata nel Lesotho ed è una fase ausiliaria nel processo di messa in sicurezza di una fonte di elettricità indipendente per la regione.

nov 2019

Il Lesotho lancia il progetto della diga di Polihali

Diga

Il Lesotho ha avviato la costruzione della diga di Polihali in una cerimonia che ha riunito dignitari del Regno del Lesotho e rappresentanti del governo sudafricano. La diga di Polihali sarà utile a entrambi i paesi.

Il progetto

La diga immagazzinerà parte delle acque del fiume Orange (Senqu) e del fiume Khubelu. Il suo muro di cemento in roccia sarà alto 165 m con una lunghezza del colmo di 921 m e una larghezza del colmo di 9 m. Alla sua base, la pista sarà larga 470 m. La diga avrà uno sfioratore con uno sfioratore a canale laterale in cemento.

Lesotho Highlands Development Authority (LHDA) stima che 13 milioni di metri cubi di roccia saranno estratti dal sito della diga e compattati per la costruzione di rinterro. La diga di Polihali formerà un bacino idrico sui fiumi Orange e Khubelu coprendo un'area di 5,053 ettari, con una capacità di stoccaggio totale di 2,325 milioni di metri cubi.

Sarà sostenuto da una diga a sella, un serbatoio ausiliario realizzato per contenere l'invaso creato da una diga primaria.

Programma di approvvigionamento idrico degli altopiani del Lesotho

La costruzione della diga di Polihali fa parte della Fase II del Lesotho Highlands Water Supply Project. Si tratta di un programma per costruire diverse dighe in Lesotho per catturare le acque della parte superiore del bacino del fiume Orange e invertire parte del suo flusso al fine di fornire acqua potabile al Sudafrica e in particolare alla regione di Johannesburg. Sono in costruzione due tunnel per rifornire la diga di Polihali.

Il lavoro è svolto da SCLC Polihali Diversion Tunnel Joint-Venture, una joint venture formata da società italiane Salini Impregilo e Cooperativa Muratori Cementisti CMC di Ravenna, così come la società sudafricana CMI Infrastructure e LSP Construction del Lesotho. Parte dell'acqua della diga di Polihali sarà trasferita alla diga di Katse in Sud Africa attraverso un tunnel, mentre parte dell'acqua sarà utilizzata per generare elettricità per il Lesotho.

Completati i lavori di riparazione sul tunnel del progetto idrico del Lesotho Highlands

Completati i lavori di riparazione sul tunnel del progetto idrico del Lesotho Highlands

Sono stati completati i lavori di riparazione e l'installazione delle apparecchiature sul tunnel del Lesotho Highlands Water Project (LHWP). Il Dipartimento di acqua e servizi igienico-sanitari (DWS) ha fatto l'annuncio e ha affermato che il completamento apre la strada al trasferimento dell'acqua dal Lesotho a dicembre.

Il tunnel è stato chiuso a fini di ispezione e manutenzione da ottobre e continuerà fino al 30 novembre 2019. Durante questo periodo il tunnel è stato drenato e non sono possibili trasferimenti d'acqua al sistema fluviale del Vaal.

Progetto acqua Lesotho Highlands

Il progetto che sembra essere una joint venture tra SA e Lesotho non solo fornirà acqua a Gauteng, ma genererà lavoro a migliaia per le persone che vivono nelle aree.

La prima fase è stata avviata trent'anni fa, con la fornitura di acqua ed elettricità rispettivamente al Sud Africa e al Lesotho dalle dighe di Katse e Mohale. La seconda fase vedrà un aumento dell'acqua fornita al Sud Africa da 780 milioni a 1.37 miliardi di metri cubi all'anno.

Inoltre, il Lesotho otterrà un progetto idroelettrico che servirà allo scopo di renderlo autosostenibile in termini di elettricità. Trans Caledon Tunnel Authority gestisce il progetto per SA. La Lesotho Highlands Development Authority lo gestisce per il Lesotho.

Il finanziamento del progetto proveniva da New Obbligazioni quotate su JSE così come la tariffa applicata agli utenti dell'acqua e una tassa sull'industria mineraria per riparare il drenaggio acido delle miniere. La data di completamento prevista è stata fissata al 2024

2020

A luglio è stata annullata la prequalifica per la costruzione della diga di Polihali e del tunnel di trasferimento del Polihali e sono attualmente in corso i preparativi per la gara aperta. Più tardi, nello stesso anno, furono aggiudicati tre ulteriori contratti di indagine geotecnica per il tunnel di trasferimento di Polihali. 

agosto 2020

Avviata la fase 2 del progetto Highlands Water in Lesotho

Diga multiuso di Nyabarongo II

Governo del Regno del Lesotho ha lanciato la seconda fase dell'Highlands Water Project (LHWP). Nella seconda fase, il governo prevede di costruire una diga in calcestruzzo rockfill con un muro di 165 m. La diga Polihali sarà costruita a valle della confluenza dei fiumi Orange-Senqu e Khubelu nel distretto di Mokhotlong del Lesotho.

La diga consentirà la formazione di un bacino idrico sui fiumi Orange e Khubelu su un'area di 5,053 ettari, con una capacità di stoccaggio totale di 2,325 milioni di m³. Sarà supportato da una diga a sella, che è un serbatoio ausiliario costruito per confinare il serbatoio creato da una diga primaria, per consentire una maggiore elevazione e stoccaggio dell'acqua o per limitare l'estensione del serbatoio al fine di aumentarne la resa.

Progetto per l'acqua delle Highlands (LHWP)

Highlands Water Project (LHWP) è un progetto bi-nazionale suddiviso in più fasi. È stato stabilito dal trattato del 1986 tra i governi del Regno del Lesotho e del Sud Africa.

Il progetto prevede l'innalzamento di un punto basso sul margine del bacino idrico per impedire all'acqua di aggirare la diga di Polihali. Questa diga a sella avrà un'altezza di 45 m, una lunghezza in cresta di 603 me una larghezza in cresta di 6.5 m.

Parte dell'acqua dalla diga di Polihali verrà trasferita alla diga di Katse in Sud Africa tramite un tunnel. Con i suoi 185 m di altezza e 710 m di larghezza, la diga Katse è attualmente rifornita attraverso un tunnel che la collega alla diga di Mohale. Viene utilizzato per l'approvvigionamento di acqua potabile e l'agricoltura nella provincia del Gauteng in Sud Africa, in conformità con gli accordi del 1986 con il Lesotho. Il Sudafrica, che cofinanzia l'LHWP con il Lesotho, dovrebbe vedere i benefici del progetto a partire da novembre 2026.

Lesotho Highlands Water Project: proseguono i lavori di tunnel sotterraneo

I lavori di scavo sotterraneo presso il sito del Lesotho Highlands Water Project (LHWP) all'interno dei due tunnel di diversione di Polihali stanno procedendo bene.

Secondo quanto riferito, gli scavi degli sbocchi stanno avanzando a un ritmo di circa 6 metri al giorno per galleria. Seguiranno i lavori di rivestimento in calcestruzzo delle gallerie, che comprendono getti e armature in calcestruzzo, già avviati nella prima galleria. Sia il portale di ingresso che quello di uscita delle gallerie sono stati rinforzati con calcestruzzo spruzzato e bulloni da roccia, e proseguono anche i lavori preparatori per la struttura di ingresso in calcestruzzo.

Le gallerie, una delle quali misura 7 metri di diametro e quasi 1 chilometro di lunghezza mentre la seconda misura 9 metri di diametro e anche quasi 1 chilometro di lunghezza, corrono parallele tra loro dal punto di presa allo sbocco a valle della diga Polihali .

Preparazione per la costruzione della diga Polihali

I tunnel vengono scavati prima della costruzione della diga di Polihali nella seconda fase del Lesotho Highlands Water Project, nel tentativo di ridurre la finestra di costruzione della diga. La portata dei lavori per la diga di Polihali secondo il governo del Lesotho comprende principalmente la costruzione di una diga in calcestruzzo con una parete di 165 m.

La diga sarà costruita a valle della confluenza dei fiumi Orange-Senqu e Khubelu nel distretto di Mokhotlong del Lesotho. Consentirà la formazione di un bacino idrico sui fiumi Orange e Khubelu su un'area di 5,053 ettari, con una capacità di stoccaggio totale di 2,325 milioni di m³.

La diga sarà supportata da una diga a sella, che è un serbatoio ausiliario costruito per confinare il serbatoio creato da una diga primaria, sia per consentire una maggiore elevazione e stoccaggio dell'acqua o per limitare l'estensione del serbatoio al fine di aumentarne la resa. Il sequestro del bacino di Polihali dovrebbe iniziare nel 2024, con la consegna dell'acqua prevista per il 2027.

2021

Nel mese di marzo sono stati aggiudicati dieci contratti infrastrutturali anticipati. Le attività di costruzione sono in fasi variabili con alcuni contratti previsti per essere completati nel 2021.

Marzo 2021

Lesotho Highlands Water Project (LHWP) sarà operativo nel 2027

Le più grandi dighe in Africa

Il tanto atteso Lesotho Highlands Water Project (LHWP) del Sud Africa da 2.46 miliardi di dollari dovrebbe essere operativo nel 2027. Secondo il Department of Water and Sanitation, la costruzione di strade, alloggi e installazioni elettriche era iniziata e la chiusura delle frontiere a causa al COVID-19 non avrebbe un “impatto materiale.

"Non si prevede che le interruzioni del COVID-19 avranno un impatto materiale sulla data di completamento prevista dei lavori del progetto e sulla data di inizio della consegna dell'acqua in Sud Africa, all'inizio del 2027", ha affermato il dipartimento.

Progetto per l'acqua nelle Highlands del Lesotho (LHWP)

Creato nel 1984, l'LHWP è stato progettato per avere cinque fasi nell'arco di 30 anni e trasferire fino a 2 miliardi di metri cubi di acqua all'anno dal Lesotho agli hub commerciali e alle industrie del Sud Africa come Sasol ed Eskom.

La fase uno ha iniziato a fornire acqua nel 1996. La fase due, che comprende la diga di Polahli da 2.3 miliardi di metri cubi e una centrale idroelettrica da 1,200 MW in Lesotho, doveva essere completata entro il 2020. Il tunnel per il progetto è stato realizzato alla fine dell'anno scorso.

La diga è in costruzione a valle della confluenza dei fiumi Orange-Senqu e Khubelu nel distretto di Mokhotlong del Lesotho. Consentirà la formazione di un bacino idrico sui fiumi Orange e Khubelu su un'area di 5,053 ettari, con una capacità di stoccaggio totale di 2,325 milioni di m³. La diga sarà supportata da una diga a sella, che è un serbatoio ausiliario costruito per confinare il serbatoio creato da una diga primaria, sia per consentire una maggiore elevazione e stoccaggio dell'acqua o per limitare l'estensione del serbatoio al fine di aumentarne la resa.

Secondo il Dipartimento, gli oltre 4.1 miliardi di dollari necessari per il Autorità del tunnel di Trans-Caledon (TCTA), La società statale sudafricana responsabile del progetto Lesotho, verrebbe generata attraverso un'ulteriore emissione di debito.

Gara per la costruzione del ponte LHWP II Senqu in corso fino al 18 giugno

La gara per la costruzione della Fase II del Lesotho Highlands Water Project (LHWP) La costruzione del ponte Senqu è in corso fino al 18 giugno. Il ponte sarà il primo ponte estradosato in Lesotho, che combina sia la trave scatolata precompressa che gli elementi strallati in un design efficiente.

La costruzione del ponte LHWP II Senqu è alta quasi 100 m e ha una lunghezza di 825 m. Questo è il più grande dei tre ponti che saranno costruiti durante la Fase II per attraversare il bacino idrico di Polihali. Il bacino di Polihali nelle valli e negli affluenti dei fiumi Senqu e Khubelu, che sarà formato dalla costruzione della diga di Polihali, avrà una superficie di circa 5000 ettari.

Oltre ai tre ponti principali, il ripristino dell'accesso attraverso il bacino richiede anche la costruzione di nuovi tratti stradali di accesso ai ponti che si collegano alla strada A1 esistente. La A1 è la strada principale tra il distretto di Mokhotlong, nel nord-est del paese, e la capitale, Maseru.

Ponte Senqu

Secondo Lesotho Highlands Development Authority (LHDA)Tente Tente, amministratore delegato di Tente Tente, l'esperienza e la competenza sono cruciali nella realizzazione di un progetto sofisticato e tecnicamente impegnativo di questo tipo, che sarà uno dei pochi per LHWP e Lesotho.

"Sulla base della nostra esperienza con altri importanti appalti di lavori, siamo fiduciosi che il nostro bando attirerà il giusto mix di competenza ed esperienza", ha affermato. "Con le sue caratteristiche uniche, il ponte Senqu non solo farà parte della rete di infrastrutture stradali sicure ed efficienti costruita nell'ambito della Fase II, ma sarà un'importante attrazione turistica che contribuirà a vantaggi a lungo termine stimolando una crescita economica sostenibile", ha aggiunto.

A causa della profonda vallata e della natura inaccessibile dell'area in cui verrà costruito il ponte Senqu, l'impalcato del ponte sarà costruito in modo incrementale da entrambi i monconi. La campata centrale del segmento in situ della campata centrale collegherà le due parti per formare un ponte continuo. Questo metodo di costruzione ridurrà al minimo il disturbo all'area circostante e aumenterà la sicurezza dei lavoratori. Si prevede che non sarà necessario un naso di lancio in acciaio.  

La forma del molo è ideale per essere realizzata con casseri scorrevoli. I lavori per la progettazione del ponte sono iniziati nel 2018, guidati da Zutari, già Aurecon Lesotho. Zutari progettò anche i ponti Mabunyaneng e Khubelu. Zutari supervisionerà anche la costruzione dei tre ponti. Informazioni specifiche sui requisiti e le condizioni della gara sono disponibili sul sito web di LHDA.

2021 maggio

Il TCTA del Sud Africa raccoglie 1 miliardo di dollari per il Lesotho Highlands Water Project

Sud Africa Autorità del tunnel di Trans-Caledon (TCTA) ha raccolto 1 miliardo di dollari USA sui mercati dei capitali per continuare la costruzione del progetto idrico Lesotho Highlands. L'autorità aveva bisogno di garanzie dal Tesoro nazionale prima di poter raccogliere i finanziamenti privati ​​per il progetto. Secondo il ministro del Dipartimento dell'acqua e dei servizi igienico-sanitari (DWS), Lindiwe Sisulu, il dipartimento ora ha le risorse e le garanzie ed è pronto a fornire sicurezza idrica nel Paese.

I fondi raccolti faciliteranno il completamento della fase 2 del progetto idrico delle Highlands del Lesotho, che prevede la costruzione di diverse dighe tra cui la diga di Polihali da costruire a valle della confluenza dei fiumi Khubelu e Senqu nel distretto di Mokhotlong negli altopiani orientali di Lesoto. Verrà inoltre costruito un tunnel di trasferimento dell'acqua lungo 38 km che collegherà il bacino di Polihali al bacino di Katse.

Progetto acqua Lesotho Highlands

Il Lesotho Highlands Water Project (LHWP) dovrebbe mettere in atto la capacità fisica e gestionale del Lesotho di sfruttare l'acqua in eccesso del fiume Senqu/Orange e dei suoi affluenti al fine di influenzare la consegna di quantità specificate di acqua allo sbocco designato nella Repubblica del Sud Africa e utilizzando tale sistema di consegna per generare energia idroelettrica nel Regno del Lesotho.

Inoltre, ciascuna Parte ha l'opportunità di intraprendere sviluppi accessori nel proprio territorio. Istituito attraverso il Trattato del 1986 firmato tra i governi del Regno del Lesotho e della Repubblica del Sud Africa, il Lesotho Highlands Water Project (LHWP) è riconosciuto come uno dei programmi di gestione delle risorse idriche transfrontaliere di maggior successo al mondo. Per favore, dacci il background storico.

agosto 2021

Il Lesotho lancia la gara per la costruzione della diga di Polihali

Lesotho Highlands Development Authority (LHDA) ha indetto una gara per la costruzione della diga di Polihali. L'autorità è alla ricerca di una società per lo sviluppo del bacino idrico e si rivolge a società nazionali e internazionali. Gli interessati hanno tempo fino al 12 novembre 2021 per presentare le loro proposte.

"Il nostro obiettivo con questo ultimo sviluppo è di attrarre aziende adeguatamente qualificate con la capacità, l'esperienza e le risorse per intraprendere la costruzione della diga di Polihali entro i tempi stabiliti e con la qualità richiesta", ha affermato Tente Tente, amministratore delegato di LHDA.

Diga Polihali

La diga di Polihali sarà costruita a valle del fiume Seqhu e del fiume Khubelu. Il muro di cemento della diga sarà alto 165 m con una lunghezza del colmo di 921 m e una larghezza del colmo di 9 m. Alla sua base, la pista sarà larga 470 m. La diga avrà un troppopieno con un canale laterale in cemento troppo pieno.

Secondo LHDA, circa 13 milioni di metri cubi di roccia saranno estratti dal sito della diga e compattati per la costruzione di rinterro. La diga formerà un bacino idrico sul fiume Orange e sul fiume Hubeilu, con una superficie di 5,053 ettari e una capacità di stoccaggio totale di 2,325 milioni di metri cubi. Sarà sostenuto da una diga a sella, un serbatoio ausiliario realizzato per contenere l'invaso creato da una diga primaria.

La diga di Polihali fa parte della Fase II del Lesotho Highlands Water Supply Project. Si tratta di un programma per costruire diverse dighe in Lesotho per catturare le acque della parte superiore del bacino del fiume Orange e invertire parte del suo flusso al fine di fornire acqua potabile al Sudafrica e in particolare alla regione di Johannesburg. Sono già in costruzione due tunnel per rifornire la diga di Polihali.

Il Lesotho aggiudica il contratto per la costruzione del progetto del ponte LHWP II

Lesotho Highlands Development Authority (LHDA) ha assegnato Zutari un contratto per la fornitura dei servizi di progettazione e supervisione del sito per la costruzione della Fase II del progetto del ponte Lesotho Highlands Water Project (LHWP).

Il progetto del ponte LHWP II prevede la costruzione del ponte Senqu, del ponte Mabunyaneng e del ponte Khubelu. Ponte LHWP II Senqu Questo è il più grande dei tre ponti che saranno costruiti per attraversare il bacino idrico di Polihali. È alto 100 m e ha una lunghezza di 825 m.

Il ponte Mabunyaneng e il ponte Khubelu hanno una lunghezza rispettivamente di 120 me 270 m. Le loro sovrastrutture sono costituite da travi prefabbricate in cemento post-teso a profondità variabile, con solai di sommità in cemento armato gettato in opera. La sottostruttura è costituita da colonne murarie in cemento armato e spalle murarie chiuse con pareti alari.

Riduzione dei tempi di costruzione

Il bacino di Polihali nelle valli e nei bacini tributari dei fiumi Senqu e Khubelu, che sarà formato dalla costruzione della diga di Polihali, avrà una superficie di 5000 ettari. Oltre ai tre ponti principali, il ripristino dell'accesso attraverso il bacino richiede anche la costruzione di nuovi tratti stradali di accesso ai ponti che si collegano alla strada A1 esistente.

Zutari avvierà il progetto nel secondo trimestre del 2022. Il ponte Senqu impiegherà tre anni per essere completato mentre i ponti Mabunyaneng e Khubelu impiegheranno due anni.

“Uno dei principali vincoli nella costruzione di questo ponte è che la costruzione della diga deve essere completata in tempo per spianare la strada al sequestro della diga. Tuttavia, i tempi di costruzione potrebbero essere ridotti costruendo il ponte da entrambi i lati. Inoltre, le inondazioni del fiume Senqu potrebbero ritardare la costruzione quando viene costruito un molo al centro del fiume", ha affermato Nati Wilson, Chief Technology Officer di Zutari Transportation Services.

“Per soddisfare questi due vincoli progettuali, l'acciaio fuso temporaneo è una pratica comune che sostiene la parte anteriore dell'impalcato mediante stralli. Il molo nel mezzo del fiume fu demolito, risultando in una campata di 100 metri sopra il fiume Senqu. Questa sezione è formata dalla confluenza di due placche di copertura lanciate da entrambe le sponde del fiume nel mezzo della sezione di 100 metri. La sottostruttura è costituita da piloni alti 90 m fondati su fondazioni allargate", ha aggiunto.

ott 2021

La costruzione della fase 2 del LHWP deve essere accelerata

Il Dipartimento dell'acqua e dei servizi igienico-sanitari sudafricano ha dichiarato che i ministeri dell'acqua del Sudafrica e del Lesotho hanno concordato di accelerare la fase 2 del Lesotho Highlands Water Project (LHWP) per garantire la sicurezza dell'approvvigionamento del sistema integrato del fiume Vaal (IVRS).

Ciò fa seguito a un incontro tra il ministro dell'acqua e dei servizi igienico-sanitari Senzo Mchunu, il vice ministro dell'acqua e dei servizi igienico-sanitari Dikeledi Magadzi e il ministro dell'acqua del Lesotho Kemiso Mosenene per discutere gli ostacoli al completamento del progetto. Attraverso la costruzione di una serie di dighe, la Fase 2 del LHWP mira a sfruttare le acque del fiume Orange – Senqu negli altopiani del Lesotho per il reciproco vantaggio.

Data di completamento della Fase 2 del LHWP

La prima fase del LHWP è stata completata nel 2003 e la seconda fase è ora in corso. Poiché il Sudafrica è un paese con scarsità d'acqua, la fase 2 del progetto deve essere completata rapidamente per aumentare l'IVRS, secondo Mchunu. Ha aggiunto che il progetto dovrebbe essere completato entro il 2027 o prima.

Mosenene ha sottolineato che la fase 2 del progetto richiederà sforzi congiunti e impegno da parte dei governi di entrambi i paesi. “L'acqua è vita e nessun essere umano può sopravvivere senza di essa. È per questo motivo che il team che lavora al progetto tiene conto delle esigenze di chi deve essere servito con acqua pulita. Dobbiamo tutti garantire che il lavoro venga svolto e svolto in modo così efficace", ha affermato Mosenene. Nel frattempo, il Commissione per l'acqua delle Highlands del Lesotho si è impegnato a portare a termine il progetto nei tempi e nel budget previsti.

La fase 2 del componente di trasferimento dell'acqua LHWP comprende una diga di riempimento in roccia con rivestimento in cemento alta 165 metri a Polihali, a valle della confluenza dei fiumi Khubelu e Senqu (Orange), e un tunnel a gravità rivestito in cemento lungo 38 chilometri che collega il bacino di Polihali al bacino di Katse. Il Lesotho riceve energia idroelettrica da LHWP, che fornisce anche acqua al Sud Africa.

La LHDA ha emesso offerte per la costruzione di due ponti

Autorità per lo sviluppo degli altopiani del Lesotho (LHDA) sta sollecitando contratti per la costruzione dei ponti sui fiumi Mabunyaneng e Khubelu nell'ambito della Fase II del Lesotho Highlands Water Project (LHWP). Le gare, che le imprese di costruzione interessate hanno tempo fino al 17 febbraio 2022 per presentare, sono la fase finale dell'appalto per la costruzione di grandi opere di Fase II, secondo Ntsoli Maiketso, responsabile della divisione di Fase II di LHDA.

Ciò è avvenuto in seguito all'annuncio di marzo della gara d'appalto per il ponte sul fiume Senqu, il più grande dei tre ponti principali di Fase II.

Il ponte Khubelu e la costruzione del ponte Mabunyaneng

Il ponte Khubelu sarà lungo 270 metri, con nove campate da 30 metri e due monconi, mentre il ponte Mabunyaneng, il più corto dei tre ponti principali, sarà lungo 120 metri, con quattro campate da 30 metri e due monconi. Secondo la LHDA, l'appalto per i due ponti è arrivato dopo l'inizio del tunnel di trasferimento di Polihali e delle offerte per la costruzione di dighe di Polihali rispettivamente a maggio e agosto.

Ciascuna di queste gare è un passo avanti negli sforzi di LHDA per attuare la Fase II del LHWP per conto dei governi del Lesotho e del Sud Africa, nonché per far progredire le economie di entrambi i paesi. I nuovi ponti sui fiumi Mabunyaneng e Khubelu saranno posizionati a monte dei due attuali ponti lungo la strada A1, fornendo accesso alla città di Mokhotlong attraverso il bacino idrico di Polihali anche quando il bacino idrico di Polihali è a pieno regime. Entrambi i ponti avranno una larghezza di 13.55 metri.

Un tratto della carreggiata A1 sarà spostato per collegare i due ponti. I ponti principali saranno costruiti con due contratti separati: contratto LHDA 4019A per il ponte sul fiume Senqu e contratto LHDA 4019B per il ponte sul fiume Mabunyaneng e il ponte sul fiume Khubelu. I tre ponti principali sono stati progettati da Zutari, che si occuperà anche della loro costruzione.

Lesotho Highlands Water Project assicura un investimento di 86.72 milioni di dollari

Banca africana di sviluppo presterà 86.72 milioni di dollari al Lesotho Highlands Water Project. Il finanziamento aiuterà il Sudafrica e il Lesotho a migliorare la sicurezza idrica e la crescita socioeconomica. Il progetto multifase fornirà acqua all'area sudafricana di Gauteng, generando anche energia idroelettrica per il Lesotho. Il progetto comprende lo sfruttamento delle acque del fiume Senqu/Orange negli altopiani del Lesotho attraverso la costruzione di una serie di dighe a beneficio di entrambe le nazioni.

I fondi saranno utilizzati per costruire la diga e il bacino idrico di Polihali, un tunnel per il trasferimento dell'acqua lungo 38 chilometri, strade e ponti, infrastrutture per le telecomunicazioni e per estendere l'elettricità e altre infrastrutture di sviluppo al Lesotho dalla Trans-Caledon Tunnel Authority, a sud Entità statale africana incaricata di finanziare e implementare progetti di infrastrutture per l'acqua grezza alla rinfusa.

Sviluppo del progetto Lesotho Highlands Water

La nuova struttura integrerà le strutture sviluppate durante la prima fase del progetto. La Lesotho Highland Development Authority supervisionerà l'attuazione del progetto all'interno dei confini del Lesotho.

Secondo la dott.ssa Beth Dunford, vicepresidente della banca per l'agricoltura, lo sviluppo umano e sociale, la collaborazione dei due governi su questo progetto incentrato sulle risorse idriche condivise dal bacino del fiume Orange-Senqu serve gli interessi del loro programma di sviluppo reciproco, mentre anche approfondire l'integrazione regionale. Ha continuato dicendo che l'intervento sarà il primo grande progetto della banca nel settore idrico del Sud Africa e che integrerà l'attuale supporto dell'AfDB nei settori dell'energia e dei trasporti, diversificherà il suo portafoglio e rafforzerà la sua forte collaborazione con la nazione.

Una volta terminato, il Lesotho Highlands Water Project prevede di aumentare la capacità di trasferimento tra Lesotho e Sud Africa a 1,260 milioni di metri cubi all'anno, rispetto agli attuali 780 milioni di metri cubi all'anno, consentendo una maggiore produzione di energia idroelettrica in Lesotho. Si prevede una maggiore sicurezza idrica nell'area sudafricana di Gauteng, così come un impulso alla crescita socioeconomica del Lesotho grazie agli aggiornamenti infrastrutturali e all'aumento della capacità idroelettrica.

Questi progressi hanno lo scopo di avvantaggiare 26 milioni di sudafricani e migliorare una regione che rappresenta il 60% della produzione economica del paese. Il progetto in Lesotho andrà a beneficio di oltre 85,000 persone nella regione del progetto e fornirà oltre 6,000 posti di lavoro nei prossimi sei anni. L'economia del Lesotho beneficerà anche dei pagamenti delle royalty per i trasferimenti di acqua.

Il progetto, che costerà 2.171 miliardi di dollari in totale, riceverà anche un prestito di 213.68 milioni di dollari dalla New Development Bank con sede a Shanghai. Il governo sudafricano fornirà 1.871 miliardi di dollari oltre a una garanzia di prestito. La prima fase del progetto è stata completata nel 2003 e lanciata nel 2004. Il portafoglio attivo dell'African Development Bank Group in Sud Africa è composto da 23 operazioni con un impegno di finanziamento totale di circa 4.5 miliardi di dollari.

I lavori per le abitazioni permanenti, l'alloggio dei visitatori e le infrastrutture associate al villaggio di Polihali inizieranno a gennaio

Dopo il Autorità per lo sviluppo degli altopiani del Lesotho (LHDA) ha assegnato la gara per la costruzione alla Polihali Village Joint Venture (JV) nel dicembre 2021, i lavori per le abitazioni permanenti, un alloggio per i visitatori e le infrastrutture associate al Polihali Village dovrebbero iniziare a gennaio. L'accordo, del valore di circa M454 milioni, dovrebbe concludersi nell'ottobre 2023.

Partnership sul progetto Polihali Village

La Polihali Village JV comprende il Lesotho Costruzione LSP e impresa edile sudafricana WBHO, che hanno lavorato insieme alle opere civili e alle grandi utenze di Polihali e Katse, che sono state completate alla fine del 2021.

Le case permanenti diventeranno una proprietà ereditaria di Fase II, secondo il manager della divisione di Fase II di LHDA Ntsoli Maiketso. Il suo design si basa sull'efficienza energetica, la sostenibilità e la sensibilità all'ambiente rurale. Le 96 unità comprendono residenze a un quarto, una, due e tre camere da letto per i consulenti della diga di Polihali e del tunnel di trasferimento di Polihali e per i lavoratori dell'LHDA durante e dopo il completamento dei grandi lavori di Fase II.

Il proposto lodge per i visitatori a quattro stelle sarà costruito su un punto panoramico con vista sulla futura diga e bacino idrico per massimizzare la vista sulla diga di Polihali. La composizione architettonica e la disposizione saranno influenzate dalla natura del terreno e dall'orientamento del sito. Le strutture costruite intorno alle dighe di Katse e Mohale con contratti identici per la Fase I del LHWP sono ancora in uso oggi e hanno aiutato la crescita del settore turistico del paese.

Una struttura ricreativa e una scuola temporanea di cinque classi sono tra gli altri progetti infrastrutturali previsti nell'ambito del contratto di costruzione del villaggio di Polihali. Ai sensi dell'articolo 10 dell'Accordo di Fase II, i contratti di costruzione di abitazioni di Fase II erano strutturati in modo da consentire il coinvolgimento locale, in particolare da parte di piccoli e medi appaltatori.

Sono stati suddivisi in quattro pacchetti di lavoro: il Polihali Village, il Polihali Commercial Center, il Polihali Operations Center e il contratto di ristrutturazione del Katse Village, tutti affidati a Unik Costruzione a dicembre 2021. Le procedure di appalto per gli ultimi due contratti sono a buon punto.

Nel 2015, Consulenti Infrastrutture Polihali è stato aggiudicato l'appalto per la pianificazione, progettazione e direzione lavori del progetto abitativo e delle infrastrutture di accompagnamento, tra cui Mott MacDonald PDNA del Sud Africa e Khatleli Tomane Moteane Architects del Lesotho.

African Development Bank finanzia il progetto per l'acqua nelle Highlands del Lesotho

Il Lesotho lancia la gara per la costruzione della diga di Polihali

 

Se hai un commento o ulteriori informazioni su questo post, condividilo con noi nella sezione commenti qui sotto

Dennis Ayemba
Editor di paesi / caratteristiche, Kenya

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome