Ken Reynolds

Il progetto Dubai World Islands
Il progetto Dubai World Islands

ken-reynoldsPrimo edificio classificato come Green Star di SA

Ken Reynolds, Nedbank Corporate Property Finance Divisional Executive per Gauteng e Project Manager della costruzione di Nedbank Phase II, il primo edificio Green Star Rated di SA  

Ricerca di progetti di costruzione
  • Regione / Paese

  • Sector

In qualità di banca verde del Sudafrica, ci si aspetta generalmente che Nedbank sia una sorta di pioniere ambientale nell'ambiente imprenditoriale.

La banca ha indubbiamente tenuto fede a questa aspettativa nel settembre 2010, quando l'edificio della Fase II della sede centrale a Sandton è stato riconosciuto dal Green Building Council of South Africa (GBCSA) come il primo edificio Green Star Rated "As Built" del paese.

Più che un semplice rafforzamento del posizionamento del marchio "verde" di Nedbank, questo risultato e l'edificio su cui si basava sono riusciti a sensibilizzare in modo significativo al massiccio impatto che gli edifici hanno sulle emissioni complessive di carbonio del Sud Africa.

Ciò ha anche sollevato l'urgente imperativo di incorporare considerazioni ambientali - in particolare l'efficienza energetica e la gestione delle emissioni di carbonio - negli edifici nuovi ed esistenti in tutto il paese.

Sfortunatamente, mentre la consapevolezza della necessità di edifici più verdi è senza dubbio in aumento in Sud Africa, il nostro Paese è ancora significativamente indietro rispetto al resto del mondo sviluppato in termini di applicazione di considerazioni ambientali.

Un contributo chiave alla cattiva posizione del Sud Africa sulla scala globale dei risultati della bioedilizia è il fatto che l'incorporazione di principi edilizi rispettosi dell'ambiente - sia nei nuovi progetti di costruzione che nell'adeguamento di edifici più vecchi - rimane in gran parte una considerazione guidata dalla conformità in questo paese, piuttosto che un imperativo di sostenibilità ambientale ed economica.

Cambiare questa percezione del verde come "elemento della scheda di valutazione" è un requisito fondamentale se vogliamo finalmente ottenere un ambiente costruito veramente "verde". Un tale cambio di paradigma richiede la consapevolezza che i cosiddetti edifici verdi non sono solo requisiti di sostenibilità reputazionale o ambientale, ma anche potenziali contributori significativi alla sostenibilità economica a lungo termine.

L'ampio coinvolgimento di Nedbank nell'area della bioedilizia in Sud Africa ci ha permesso di comprendere in modo approfondito i vantaggi economici che possono essere sbloccati incorporando l'efficienza energetica e altri elementi benefici per l'ambiente in qualsiasi edificio. Mentre un confronto omogeneo tra un edificio verde e uno non verde di proporzioni simili mostra che incorporare considerazioni ambientali efficaci potrebbe aumentare il costo complessivo di circa il 10%, la nostra esperienza è che questo costo non richiede molto tempo per recuperare, in particolare considerando il costo in rapida crescita delle utenze in questo paese.

Usando il nostro edificio Nedbank Fase II come esempio, dopo poco più di un anno di occupazione le iniziative di efficienza energetica incorporate nella costruzione e nella progettazione hanno prodotto un miglioramento del 30% dell'efficienza energetica. Supponendo che questa tendenza continui, il costo della costruzione verde nei nostri nuovi spazi per uffici sarà stato recuperato in circa tre anni, a quel punto i risparmi diventeranno ancora più rilevanti per i nostri profitti.

Naturalmente, la costruzione verde è un nuovo territorio per molte aziende, il che significa che è facile che i potenziali benefici economici e ambientali vengano gravemente compromessi da curve di apprendimento molto costose. Per evitare ciò, e garantire che la sostenibilità ambientale di un edificio sia supportata sin dall'inizio - da solide basi di vantaggi economici - proprietari, costruttori e investitori farebbero bene a imparare da coloro che hanno già negoziato questa curva di apprendimento.

In qualità di banca che è stata coinvolta in sei degli edifici classificati GBCSA Green Star SA in Sud Africa, e occupa due di questi e occuperà un terzo nell'aprile del prossimo anno, Nedbank ha imparato moltissime lezioni, la più importante delle quali è senza dubbio la imperativo di cui sopra che tutti i benefici ambientali desiderati sono accompagnati da considerazioni economiche sostenibili.

Il raggiungimento di questo obiettivo inizia molto prima che venga girata la prima zolla o la prima lampadina a risparmio energetico installata. Richiede una pianificazione ampia ed esaustiva, uno sforzo continuo per ottenere il consenso di ogni singolo stakeholder nel progetto e un occhio attento al `` lavaggio verde '', per assicurarsi che le affermazioni di fornitori e prodotti siano legittime e si sbloccheranno davvero a lungo vantaggi a lungo termine, piuttosto che dimostrare di essere nient'altro che costi aggiuntivi.

In definitiva, realizzare un edificio verde è un impegno enorme, in qualunque modo lo si guardi. Ma come ha dimostrato l'esperienza di Nedbank, è anche estremamente gratificante. Non solo in termini di contributi ambientali che può facilitare, ma anche grazie al fatto che costruire verde è un modo collaudato per aiutare a mantenere qualsiasi attività commerciale in nero.

Se stai lavorando a un progetto e vorresti che fosse presente nel nostro blog. Saremo felici di farlo. Inviaci immagini e un articolo descrittivo a [email protected]

COMMENTO 1

  1. Buon giorno Ke Reynolds, stai facendo un lavoro meraviglioso continua così la nostra azienda vorrebbe collaborare con Nedbank per costruire un alloggio da 3000 studenti per l'università di mpumalanga stiamo cercando un partner azionario del 30% poiché DBSA sta arrivando con una pozione del 70% , in attesa di una tua risposta per poterti fornire tutti i documenti. Saluti Themba Tendai Magwaza

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome