CasaPersoneAppaltatori emergenti chiave per la ripresa del settore edile

Appaltatori emergenti chiave per la ripresa del settore edile

Il settore delle costruzioni può guidare la ripresa del Sudafrica mentre il paese emerge in un'economia post-Covid 19, ma solo se gli appaltatori emergenti sono autorizzati.

Questo è stato il consenso tra i partecipanti a un recente seminario sullo stato dell'industria ospitato dal Consiglio per lo sviluppo del settore edile - cidb. Il seminario, cui hanno partecipato più di 700 partecipanti, ha sottolineato il ruolo svolto dal cidb nel facilitare lo scambio di idee e opinioni che porterà alla trasformazione del settore delle costruzioni.

Ricerca di progetti di costruzione
  • Regione / Paese

  • Sector

Vuoi vedere i progetti di costruzione solo a Nairobi?Clicca qui

Oltre al suo mandato principale di promuovere il contributo dell'industria delle costruzioni all'economia e alla società sudafricana, il cidb fornisce anche una piattaforma in cui i partecipanti al settore possono condividere la ricerca sulle tendenze all'interno del settore e mettere in relazione le migliori pratiche.

Vi erano giustificate preoccupazioni per il forte calo dell'attività edilizia a seguito dello scoppio della pandemia di Covid. Ciò è stato particolarmente sentito nel settore pubblico, dove il cidb svolge un ruolo fondamentale per garantire un'infrastruttura efficiente ed efficace.

Tuttavia, c'è anche spazio significativo per l'ottimismo. Gli investimenti nelle infrastrutture sono una componente chiave del piano di ricostruzione e ripresa economica annunciato dal presidente Cyril Ramaphosa. Il piano prevede "investimenti infrastrutturali aggressivi" con una forte enfasi sulla localizzazione, la creazione di posti di lavoro e lo snellimento del quadro normativo.

Simposio sullo sviluppo delle infrastrutture sostenibili

Alcuni dei germogli verdi sono già visibili. Al recente Simposio sullo sviluppo delle infrastrutture sostenibili - SIDSSA 2021 - sono stati annunciati i dettagli di una pipeline di 55 progetti con un valore di progetto di 595 miliardi di rand. Questo può creare circa 583 500 posti di lavoro diretti e indiretti.

I partecipanti al seminario cidb hanno espresso opinioni forti sul fatto che i contraenti emergenti dovrebbero trarre pieno vantaggio dall'imminente ripresa dell'attività edilizia e dovrebbero essere create opportunità in cui possono migliorare la loro classificazione e diventare sempre più idonei per grandi progetti.

Allo stesso tempo, il settore pubblico deve migliorare significativamente la sua capacità di gestire progetti infrastrutturali sotto il suo controllo e affrontare le preoccupazioni di lunga data nel settore circa i ritardi nell'assegnazione dei contratti, i ritardi nell'attuazione dei progetti e i ritardi nei pagamenti agli appaltatori.

Ci sono aspettative che le competenze del settore privato saranno sempre più coinvolte per affrontare le questioni relative alla capacità. Anche in questo caso, il cidb, con la sua esperienza maturata in quasi due decenni, può dare preziosi contributi ai dialoghi e alle consultazioni all'interno del settore.

Allo stesso modo, ci sono voci più forti che parlano della corruzione endemica e delle attività della cosiddetta "mafia delle costruzioni" che stanno ritardando progetti vitali, distruggendo beni e minacciando la vita degli appaltatori e dei loro lavoratori.

Uno dei partecipanti al seminario, Gregory Mofokeng, CEO del Black Business Council in the Built Environment, ha sottolineato il ruolo che la costruzione può svolgere nella reindustrializzazione dell'economia.

Questo può essere fatto attraverso l'implementazione di programmi di localizzazione in cui vengono utilizzati materiali da costruzione locali, viene utilizzata l'esperienza locale e vengono creati posti di lavoro locali.

Allo stesso tempo, l'industria locale non è isolata dalle tendenze globali. Il dott. Obuks Ejohwomu dell'Università di Manchester ha ricordato ai partecipanti l'elevato contributo dell'edilizia alle emissioni globali e all'inquinamento atmosferico.

La Conferenza delle Nazioni Unite sul clima – COP 26 – tenutasi a Glasgow questo mese, rivedrà senza dubbio gli obiettivi per l'inquinamento e stabilirà nuovi standard a cui l'industria delle costruzioni dovrebbe rispondere.

L'introduzione di soluzioni guidate dalla tecnologia portata dalla 4° Rivoluzione industriale porterà anche profondi cambiamenti al settore. La costruzione 4.0 – l'integrazione dei progressi 4IR nel settore – rivoluzionerà i processi attraverso l'intero spettro di attività. Alcune di queste innovazioni sono già state implementate con grande successo nell'industria sudafricana.

Molti appaltatori locali emergenti stanno già abbracciando nuove tecnologie e rafforzando le loro posizioni all'interno della catena del valore delle costruzioni.

È importante che il settore delle costruzioni locale sia messo in condizione di beneficiare della prevista ripresa dell'economia post-Covid. Un attento osservatore del settore locale, il professor Roger Flanagan dell'Università di Reading nel Regno Unito, ha previsto che l'industria delle costruzioni globale sarà all'avanguardia della ripresa e che il Sudafrica deve farne parte.

Ha sottolineato il fatto che si trova nella regione in più rapida crescita in Africa ed è conosciuta a livello mondiale per la sua capacità di produrre grandi imprese di costruzione e appaltatori che sono ammirati per la loro competenza.

Le sfide consisteranno nell'ampliare il settore, sostenere gli appaltatori emergenti, in particolare le imprese di proprietà di neri e femminili, e attrarre una nuova generazione di imprenditori nel settore.

Il seminario, che diventerà un evento annuale, ha dimostrato ancora una volta che il cidb è in una buona posizione per svolgere un ruolo catalizzatore per guidare le parti interessate del settore nello sviluppo delle costruzioni. Saremo un elemento vitale nel riemergere di un'industria delle costruzioni trasformata che fornisce l'infrastruttura fisica che costituisce la spina dorsale dell'attività economica del nostro paese.

Bongani Dladla è Amministratore Delegato ad interim del cidb.

Se stai lavorando a un progetto e vorresti che fosse presente nel nostro blog. Saremo felici di farlo. Inviaci immagini e un articolo descrittivo a [email protected]

Leigh-Ann Carey
Leigh-Ann Carey
Bongani Dlala

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome