Home News Africa KenGen firma un contratto per perforare tre pozzi geotermici a Gibuti

KenGen firma un contratto per perforare tre pozzi geotermici a Gibuti

Kenya Electricity Generating Company (KenGen), una società parastatale e il più grande produttore di energia elettrica in Kenya ha firmato a Galla Le Komaa contratti da 6.5 ​​milioni di dollari per perforare tre pozzi geotermici a Gibuti.

L'accordo è stato firmato tra il produttore di energia statale incarnato dal suo amministratore delegato, Rebecca Miano, e Office Djiboutien de developpement de l'energie geothermique (ODDEG) (in inglese; Ufficio di Gibuti per lo sviluppo dell'energia geotermica) alla presenza del Segretario del Gabinetto dell'Energia del Kenya Charles Keter, del Ministro dell'Energia e delle Risorse Naturali di Gibuti HE Onorevole Yonis Ali Guedi, tra gli altri funzionari di entrambi i paesi.

Grazie all'operazione il Paese del Corno d'Africa, che prevede di sfruttare parte del suo potenziale di 1000 MW nel settore geotermico come da report 2016, potrà beneficiare dell'esperienza di KenGen, che ha perforato più di 300 pozzi nel area geotermica di Olkaria.

Leggi anche: Gibuti approva la costruzione della centrale solare di Grand Bara

"Abbiamo investito in esperti con una notevole esperienza nell'esplorazione e nella perforazione geotermica, e rafforzeremo le capacità dei team di Gibuti che lavoreranno al progetto", ha detto la società keniota su Twitter.

Desiderio di diversificare le attività in tutto il continente

KenGen spera di offrire più servizi commerciali di perforazione, consulenza geotermica e altri servizi relativi all'energia in tutto il continente africano.

Secondo la signora Miano, la strategia di diversificazione della società di sfruttare la sua esperienza nel campo registrerà un grande successo quando i tre pozzi diventeranno produttivi e migliorerà gli sforzi di Gibuti per aumentare la sua produzione di energia.

“Ci auguriamo quindi che nei prossimi due anni avremo una presenza considerevole nei paesi del continente. Vale anche la pena notare che non siamo solo desiderosi di aumentare la nostra presenza in Africa, ma anche di migliorare le capacità energetiche in tutta la regione ", ha detto la signora Miano.

Questo è il terzo contratto di perforazione che l'azienda ha vinto nel continente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome