CasaCosa ce di nuovoApre a Mfuleni, Western Cape, il centro di assistenza speciale per bambini disabili Lonwabo
x
I 10 aeroporti più grandi del mondo

Apre a Mfuleni, Western Cape, il centro di assistenza speciale per bambini disabili Lonwabo

I Centro di cure speciali Lonwabo, una struttura multimilionaria per bambini con difficoltà fisiche, è stata inaugurata martedì 12 ottobre a Mfuleni.

Leggi anche: In corso i tre progetti integrati di insediamento umano di Western Cape

Mfuleni e le regioni circostanti sono servite dal Lonwabo Special Care Centre, che accoglie 28 bambini portatori di handicap.

L'istituto è stato finanziato da Possibilità di partenza, un'organizzazione senza scopo di lucro specializzata nello sviluppo della prima infanzia e nella ristrutturazione di scuole di capanne nei comuni.

La fondatrice del centro, Thandeka Mafila, lo ha definito un “sogno diventato realtà” per lei e per i giovani che frequentano. Le ci sono voluti 13 anni, ha affermato, per realizzare il suo obiettivo.

"Ho avviato il centro sul retro della mia casa a Mfuleni con due bambini", ha detto Mafila.

Ogni anno aumenta il numero di bambini che si prevede diventeranno membri dell'organizzazione. Mafila ha affermato di avere 40 bambini di età compresa tra 0 e 18 anni quando è iniziata l'epidemia.

Alcuni dei bambini non erano in grado di comunicare quando sono arrivati ​​al centro, ma ora sono in grado di comunicare poiché stanno giocando insieme.

Ha affermato che il centro impiega nove persone qualificate che lavorano con i giovani.

Ian Corbett, il creatore di Starting Chance, ha definito la struttura come una prima fase in un'intervista a City Vision. Ha stimato che il costo del progetto è di 4.6 milioni di rand.

Lo ha descritto come un beneficio per il popolo Mfuleni e le comunità vicine.

Non è stata un'impresa facile, secondo Corbett. L'istituto, sostiene, è stato creato appositamente per i giovani portatori di handicap fisici.

Ha affermato che l'obiettivo del Centro di opportunità iniziali è offrire un'opportunità a tutti i ragazzi, indipendentemente dalle loro capacità.

La seconda fase del progetto, secondo Corbett, includerebbe la costruzione di un ECD tradizionale per oltre 180 studenti, aree comunitarie inclusive e un'aula di osservazione degli insegnanti.

Se hai un commento o ulteriori informazioni su questo post, condividilo con noi nella sezione commenti qui sotto

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome