CasaNewsParco eolico West Bakr, Egitto: prime 20 turbine collegate alla rete nazionale...

Parco eolico di West Bakr, Egitto: prime 20 turbine collegate alla rete nazionale

Le prime 20 turbine del parco eolico di West Bakr, situato a circa 30 km a nord-ovest della città di Ras el Ghareb nel Golfo di Suez, in Egitto, sono state collegate con successo alla rete nazionale.

Lo ha annunciato Lekela Power, una società di energia rinnovabile focalizzata sull'Africa e lo sviluppatore del suddetto progetto. La società ha affermato che la sincronizzazione è un passo importante per il completamento dell'intero progetto la cui implementazione è iniziata nel settembre 2019.

“Con le prime turbine del parco eolico di West Bakr che raggiungono la sincronizzazione, siamo un passo più vicini a fornire all'Egitto energia eolica pulita e rinnovabile. Questo è un traguardo entusiasmante, ma il fatto che sia il primo progetto di Lekela nel paese nordafricano aggiunge davvero orgoglio” ha affermato Faisal Eissa, General Manager Lekela in Egitto.

Leggi anche: Inizia l'installazione delle alette della turbina nel progetto del parco eolico di West Bakr in Egitto

Il parco eolico dovrebbe diventare pienamente operativo entro la fine del 2021.

Significato del progetto

Per cominciare, il progetto del parco eolico di West Bakr fa parte dello schema Build, Own Operate (BOO) del governo egiziano, una parte fondamentale dell'ambizioso obiettivo del governo di generare almeno il 20% della sua elettricità da fonti rinnovabili entro il prossimo anno ( 2022).

Essa (la centrale elettrica) produrrà oltre 1000 GWh di elettricità ogni anno per circa 20 anni e preverrà più di 550,000 tonnellate di emissioni di anidride carbonica all'anno nello stesso periodo.

Oltre alla produzione di elettricità e alla prevenzione delle emissioni di Co2, il progetto ha un impegno a lungo termine con la vicina comunità locale di Ras Ghareb, compresa l'istituzione di una serie di iniziative socio-economiche.

Lakela protegge anche la ricca biodiversità del Golfo di Suez attraverso lo sviluppo di un programma di "chiusura su richiesta" per salvaguardare gli uccelli migratori.

Se hai un commento o ulteriori informazioni su questo post, condividilo con noi nella sezione commenti qui sotto

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome