CasaNewsIl Complesso del Parlamento statunitense 58m in Congo è quasi terminato

Il Complesso del Parlamento statunitense 58m in Congo è quasi terminato

La costruzione di un complesso del Parlamento nella Repubblica del Congo è orientata verso il suo completamento in 2020 come previsto. Jean-Jacques Bouya, ministro incaricato della pianificazione del territorio del Congo, ha confermato i rapporti e ha detto che le foto aeree hanno mostrato che i lavori sono stati avanzati sul complesso.

I lavori di costruzione del progetto da 58 milioni di dollari, interamente finanziato come donazione dal governo cinese, sono iniziati a maggio 2017, in un evento presieduto dal presidente Lon-serving Denis Sassou Nguesso. La costruzione del palazzo del parlamento è attualmente in corso da parte di un'azienda cinese Costruzione provinciale di Jiangsu.

Ricerca di progetti di costruzione
  • Regione / Paese

  • Sector

Leggi anche: la costruzione del nuovo parlamento dello Zimbabwe prende il via

Complesso del Parlamento

Il complesso sarà caratterizzato da due camere che disporranno di servizi extra come uffici per il personale, parcheggio, 12 sale per le commissioni e strutture per conferenze. La delegazione parlamentare del Paese ha già visitato il sito del progetto situato nella capitale Brazzaville. Al termine, il nuovo parlamento ospiterà sedute congiunte del senato e dell'assemblea nazionale.

"Questo progetto sta aiutando ad aprire la capitale alla modernità e rimane uno dei più grandi progetti di cooperazione portati avanti dalla Cina nell'Africa subsahariana sotto forma di dono", ha detto Jean-Jacques Bouya.

Il progetto ha tuttavia affrontato le critiche degli attivisti per i diritti umani e dell'opposizione che ritengono che un nuovo parlamento non sia una priorità per un paese irto di problemi di diritti e violenza politica nella regione del Pool

"La priorità per noi è la risoluzione della crisi che ha scosso il pool per un anno e il miglioramento della situazione dei diritti umani nel suo insieme", ha affermato Trésor Nzila, direttore esecutivo dell'Osservatorio congolese per i diritti umani in Congo.

 

 

Se hai un commento o ulteriori informazioni su questo post, condividilo con noi nella sezione commenti qui sotto

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome