CasaRivistaLa carenza d'acqua a Cape Town raggiunge il livello di crisi

La carenza d'acqua a Cape Town raggiunge il livello di crisi

Vineyard Wind 1, il più grande Offsho...
Vineyard Wind 1, il più grande progetto di parco eolico offshore negli Stati Uniti

La carenza d'acqua a Cape Town ha raggiunto il livello di crisi. I residenti stanno ora contando 100 giorni per completare la mancanza di approvvigionamento idrico. Il comune, di conseguenza, è stato costretto a impegnarsi nei suoi programmi di approvvigionamento di emergenza.

I livelli di stoccaggio della diga sono scesi al 26.2%, un punto percentuale in meno rispetto alla scorsa settimana, ha dichiarato lunedì la città di Cape Town in un comunicato.

Ricerca di progetti di costruzione
  • Regione / Paese

  • Sector

Leggi anche: Il rapporto mostra che si profila un grave deficit idrico in Sud Africa

Inoltre, il 6.2% disponibile durerebbe solo circa 100 giorni agli attuali livelli di consumo. I consumatori sono ancora esortati a ridurre il loro consumo di acqua a 100 litri per persona in un giorno per ottenere un consumo ridotto mirato.

Gli schemi di approvvigionamento di emergenza includono l'acquifero del gruppo Table Mountain e un impianto di desalinizzazione su piccola scala. Ci sono anche piani per intensificare i programmi di gestione della pressione della città e della domanda di acqua.

Leggi anche: Cape Town del Sud Africa per sperimentare ulteriori restrizioni idriche

Anche un impianto di riutilizzo delle acque reflue su piccola scala da 8.64 milioni di dollari presso lo stabilimento di trattamento delle acque di Zandvliet è in fase di considerazione. L'impianto produrrebbe 10 milioni di litri di acqua potabile al giorno per la periferia centrale e meridionale di Cape Town.

Uno dei membri del comitato del sindaco per gli insediamenti informali Xanthea Limberg ha affermato che intensificheranno progressivamente le restrizioni idriche e ridurranno la pressione dell'acqua in modo da ridurre i consumi. Questo, secondo lei, in alcuni casi potrebbe portare a forniture intermittenti contemporaneamente su aree più ampie della metropolitana.

Le piogge su parti della città non hanno modificato materialmente i bassi livelli. Se le dighe dovessero raggiungere al di sotto del 10% dei livelli di stoccaggio, sarebbe implementato un approvvigionamento idrico "vitale". Ciò comporterebbe una pressione di alimentazione minima, una fornitura intermittente e restrizioni molto rigorose. Le persone in aree con bassa pressione dell'acqua potrebbero dover prendere l'acqua dalle autocisterne.

Il consiglio comunale potrebbe anche installare dispositivi di gestione dell'acqua per i consumatori che non sono riusciti a limitare i consumi, anche se hanno già pagato le tariffe più elevate.

Se hai bisogno di maggiori informazioni su questo progetto. Stato attuale, contatti del team di progetto ecc. Per favore CONTATTARCI

(Nota questo è un servizio premium)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome