Home Conoscenza Gestione delle risorse idriche: una preoccupazione mondiale mentre celebriamo il mondo ...

Gestione delle risorse idriche - Una preoccupazione mondiale mentre celebriamo la Giornata mondiale dell'acqua

La scarsità di acqua dolce è diventata una minaccia inevitabile e seria

Le risorse idriche e la loro corretta gestione non sono un concetto estraneo a nessuno in nessuna parte del mondo. Alcuni lottano con la scarsità e altri con la purificazione; resta il fatto che il mondo sta combattendo un'escalation della crisi idrica.

Una crisi idrica è valutata come uno dei rischi più alti per il mondo e una crisi con il maggiore impatto, secondo il World Economic Forum.

Si stima che entro il 1.8 quasi un terzo della popolazione mondiale (circa 2025 miliardi di persone) vivrà in aree a scarsità d'acqua - questo numero include sia i paesi in via di sviluppo che quelli sviluppati. Gli altri due terzi della popolazione mondiale potrebbero benissimo seguire l'esempio.

La regione MENA, in particolare, è stata colpevole di un uso insostenibile dell'acqua, con più della metà degli attuali prelievi di acqua in alcuni paesi che superano l'acqua naturale disponibile. Questo non è difficile da credere considerando che più del 60 per cento della popolazione della regione è concentrata in luoghi colpiti da stress idrico superficiale elevato o molto elevato, rispetto a una media globale di circa il 35%, secondo un recente rapporto della Banca Mondiale .

Contribuendo a ciò, la scarsità d'acqua sarà influenzata anche dal cambiamento climatico che, entro il 2050, causerà perdite economiche stimate al 6-14% del PIL, il più alto del mondo.

Ciò contribuisce a una previsione allarmante secondo cui in qualsiasi momento oltre la metà dei letti degli ospedali del mondo potrebbe essere riempita da persone che soffrono di malattie legate all'acqua, secondo UNDP.

Per affrontare questo sviluppo negativo, le grandi organizzazioni stanno guidando la consapevolezza globale verso la difficile situazione delle risorse idriche limitate. Il World Economic Forum ha già lanciato l'allarme ed è supportato da più ONG, accordi politici e Nazioni Unite, con queste ultime che hanno sviluppato 17 obiettivi sostenibili, con l'ambizione di trasformare il nostro mondo - l'obiettivo numero 6 è garantire l'accesso a acqua e servizi igienico-sanitari per tutti.

Il nesso acqua-cibo-energia

Poiché il numero della popolazione mondiale aumenta rapidamente e quindi l'urbanizzazione e sorprendentemente una classe media in crescita, potrebbero prestare attenzione a un segnale positivo di miglioramento del tenore di vita; dobbiamo ricordare che con la crescita delle popolazioni, crescono anche le pressioni ambientali.

E insieme ai modelli di consumo di una classe media in espansione, ciò eserciterà una pressione critica sull'approvvigionamento di cibo, acqua ed energia, poiché la domanda aumenta durante i prossimi due decenni.

La domanda globale di acqua dolce aumenterà del 40%, il che metterà sotto pressione le aree a stress idrico. In aggiunta a ciò, la domanda di energia aumenterà del 50%, sottolineando ulteriormente queste aree, poiché il 90% di tutta la produzione di energia è ad alta intensità d'acqua.

Di conseguenza, è possibile che le centrali elettriche saranno costrette ad abbassare la loro produzione di energia a causa della mancanza di acqua per il raffreddamento. Quindi, dobbiamo iniziare a utilizzare l'acqua in modo più efficiente per soddisfare le crescenti richieste di acqua, cibo ed energia.

Esiste una forte relazione tra il consumo quotidiano di cibo e l'uso dell'acqua. Ad esempio, occorrono 70 litri di acqua per far crescere una mela e 40 litri per produrre una fetta di pane. Tuttavia, ciò che realmente mette sotto pressione l'approvvigionamento idrico è la produzione di carne: per produrre un chilo di carne bovina vengono utilizzati 15,500 litri di acqua.

Poiché sia ​​la popolazione che la classe media aumentano, la futura domanda di beni di uso quotidiano aumenterà in modo significativo, esercitando una grande pressione sull'ambiente poiché il prelievo di acqua per l'agricoltura rappresenta già circa il 70% di tutta l'acqua utilizzata a livello globale.

Inutile dire che l'acqua è una risorsa essenziale per il continuo sviluppo umano ed economico, e quindi va tutelata. Non possiamo riempire le riserve d'acqua dolce del mondo. Ma possiamo cambiare il modo in cui vengono utilizzate le risorse.

La buona notizia: esistono già tecnologie per ridurre il consumo di energia e le perdite in tutte le fasi del ciclo dell'acqua, dalla produzione e distribuzione al pompaggio e al trattamento delle acque reflue. I sensori di pressione e gli azionamenti a velocità variabile svolgono un ruolo chiave nel ridurre la perdita globale di acqua ed energia, soprattutto quando si tratta di controllare i sistemi di irrigazione che avranno un impatto importante. E con il monitoraggio intelligente e il controllo adattivo della pressione, i servizi idrici di tutto il mondo possono migliorare in modo significativo la gestione della pressione, portando a una notevole riduzione delle perdite e dell'acqua non redditizia.

Il mondo è sull'orlo di una trasformazione sostenibile.

Oggi abbiamo soluzioni comprovate e affidabili per affrontare molte delle nostre sfide in materia di clima, urbanizzazione e cibo, e siamo solo all'inizio. Spinto dal potere di una società elettrificata e alimentato dalle opportunità del passaggio al digitale, Danfoss si dedica a soluzioni ingegneristiche in grado di liberare il potenziale del domani.

È qui che inizia la trasformazione: nel modo in cui riscaldiamo, raffreddiamo, connettiamo e nutriamo una popolazione in crescita. Insieme ai nostri clienti, contribuiamo a trasformare in realtà un futuro più verde e migliore.

Insieme, progettiamo domani.

Di John Conboy - Direttore Danfoss Drives - Danfoss Turchia, Medio Oriente e Africa

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome