CasaGrandi progettiGli ultimi aggiornamenti di Mammoth Solar Project

Gli ultimi aggiornamenti di Mammoth Solar Project

Mammoth Solar Project che una volta completato sarà il più grande parco solare degli Stati Uniti ha ottenuto un impegno da Assicurazione Migdal, la più grande compagnia assicurativa israeliana investirà 75 milioni di dollari USA nella seconda fase da 300 MW/260 MW CC del Mammoth Solar Project in cambio di una quota di proprietà del 22.5% nel progetto, che è soprannominato Mammoth South project o Mammoth Solar ll .

Questo nuovo accordo porterà Migdal ad aumentare il suo investimento diretto nel progetto Mammoth Solar fino a 175 milioni di dollari dopo aver investito 100 milioni di dollari nella prima fase o meglio nel progetto Mammoth North, noto anche come Mammoth Solar l, all'inizio del 2021 per una quota del 20%.

Ricerca di progetti di costruzione
  • Regione / Paese

  • Sector

Leggi anche: Delmar DivINe e Ameren Partners collaborano per il progetto solare, Missouri

La costruzione di Mammoth Solar 1 è iniziata ufficialmente nell'ottobre 2021 e la struttura dovrebbe entrare in funzione entro il secondo trimestre del 2023.

“L'aumento dei suoi investimenti da parte di Migdal è una diretta espressione della fiducia offerta dalle entità istituzionali israeliane nel settore delle energie rinnovabili, e in Doral Renewables LLC in particolare", afferma Yaki Noyman, CEO del Gruppo Doral aggiungendo che "Abbiamo scelto partner che non sono interessati solo a generare rendimenti dal proprio investimento, ma anche al suo impatto sul pubblico e sull'ambiente".

Investimento in Mammoth Solar

Questo accordo, oltre ad aumentare l'investimento diretto di Migdal Insurances nel progetto Mammoth Solar, aumenta anche il suo investimento complessivo in Doral (ex Global Energy Generation LLC), inclusi capitale e credito fino a un importo fino a 415 milioni di dollari USA.

Parlando della decisione, Erez Migdali, vice CIO e responsabile delle risorse private di Migdal Insurance, ha affermato che la società è lieta di approfondire il suo investimento nelle attività di Doral LLC e che questa partnership significativa e in crescita è un'indicazione della fiducia di Migdal Insurances nelle rinnovabili industria, e in Doral in particolare.

“Questo investimento è in correlazione con la nostra politica ESG in corso, in cui abbiamo sviluppato un quadro di investimento di oltre 947 milioni di dollari USA in investimenti netti positivi, ogni anno. Non ho dubbi che questo accordo sia il primo tra i tanti nuovi investimenti che intendiamo promuovere entro l'anno”, ha concluso Migdali.

Quello che abbiamo riportato a gennaio 2022

Il governatore dell'Indiana ha recentemente espresso fiducia nell'imminente parco solare più grande degli Stati Uniti, giustamente chiamato Mammoth Solar Project, nel suo discorso sullo stato dello stato. Il completamento della proiezione genererà 1 GW di elettricità.

Cosa abbiamo riportato nell'ottobre 2021: la costruzione è iniziata in ottobre su quella che sarà la più grande fattoria di energia solare negli Stati Uniti una volta completata, che si estenderà su due contee dell'Indiana settentrionale. Il progetto Mammoth Solar vedrà l'installazione di pannelli solari nelle contee di Starke e Pulaski, che generano energia. Il progetto è una partnership tra Indiana e Doral Renewables, una società israeliana. Rinnovabili Doral venderà elettricità ad American Electric Power come parte di un accordo a lungo termine per migliorare la capacità di energia rinnovabile dell'utility a Columbus, Ohio. I dirigenti di Doral Renewables si sono uniti al governatore dell'Indiana Eric Holcomb e alle autorità locali in una cerimonia inaugurale nell'ottobre 2021 per il progetto.

Progetto Mammoth Solar Fase 1

Secondo i rapporti, la prima fase del parco solare sarà operativa entro la metà del 2023 e produrrà 400 megawatt di elettricità, sufficienti per alimentare 75,000 famiglie. La costruzione di ulteriori sezioni della fattoria, che alla fine genererà 1.65 gigawatt di energia quando entrerà in funzione nel 2024, inizierà il prossimo anno. Le proposte di grandi parchi solari hanno incontrato resistenze in alcune aree a causa della perdita di terreni agricoli. Doral Renewables, un'azienda israeliana, ha invitato l'ambasciatore israeliano negli Stati Uniti, Gilad Erdan, all'evento rivoluzionario quando Holcomb ha visitato Israele a maggio per mostrare sostegno al paese dopo la guerra di 11 giorni tra Israele e i governanti militanti di Hamas a Gaza.

"Non ho mai visto niente di simile a questo progetto in vita mia." "L'energia che raccogliamo qui nella contea di Starke andrà a beneficio delle persone di tutta la contea", ha dichiarato il commissario della contea di Starke Mark Gourley. Si prevede che nel corso del progetto in tre fasi verranno creati un totale di 500 posti di lavoro nell'edilizia. Secondo l'Indiana Economic Development Corporation, lo stato sta lavorando per finalizzare i crediti d'imposta basati sugli incentivi se verranno creati 50 posti di lavoro permanenti a tempo pieno entro la fine del 2023. “Pensare che questo sia il più grande parco solare nel nostro paese guidato nel modo giusto qui a casa, questo è un giorno incredibilmente importante, e non voglio perdere di vista quanto siamo grati", ha detto Holcomb.

Sviluppatore del Mammoth Solar Project

Doral Renewable Energy Resources Group è una società israeliana specializzata nello sviluppo di energie rinnovabili e infrastrutture ambientali.

L'azienda è anche coinvolta in altri progetti solari in Israele e nel mondo. In Italia sta sviluppando la Mazzarino Solar farm e Hadrei Shean in Israele, tra gli altri progetti nel settore delle energie rinnovabili

Scheda informativa del progetto Mammoth Solar

  • Costo del progetto: 1.5 miliardi di dollari
  • Numero di fasi: 3 fasi
  • Numero di pannelli solari: 2.85 milioni di pannelli solari
  • Produzione di energia: 1 GW
  • Superficie coperta: 13000 acri

 

Vantaggi e polemiche del progetto Mammoth Solar

Il progetto farà risparmiare oltre 1 miliardo di galloni di irrigazione poiché oltre 13000 acri di terra non saranno più coltivati ​​e consentirà anche di risparmiare 2000 tonnellate di emissioni di carbonio all'anno.

Coloro che si oppongono al progetto ritengono che rimuoverà una notevole quantità di terreno per la produzione di cibo dall'agricoltura e che entrambe le specie animali saranno interessate nella regione a causa della rimozione di cespugli e coperture arboree.

 

 

Se hai un commento o ulteriori informazioni su questo post, condividilo con noi nella sezione commenti qui sotto

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome