CasaPersoneCentro di risoluzione delle controversie della BCCEI (RDC), Sudafrica

Centro di risoluzione delle controversie della BCCEI (RDC), Sudafrica

La risoluzione delle controversie è un aspetto fondamentale per mantenere l'equità e la stabilità in qualsiasi settore e la Consiglio di contrattazione per l'industria dell'ingegneria civile (BCCEI) continua a rendere questo servizio fondamentale per l'industria dell'ingegneria civile.

Attraverso il Dispute Resolution Center (DRC) della BCCEI, i rinvii delle controversie vengono risolti il ​​più rapidamente possibile per soddisfare gli standard di accreditamento della Commissione per la conciliazione, la mediazione e l'arbitrato (CCMA), secondo il manager della DRC Merle Denson.

"Per assicurarci di ottenere i migliori risultati, la BCCEI nomina commissari e arbitri di alto livello che sono accreditati dalla CCMA e ascoltano i casi in base a standard e linee guida specifici del settore", afferma Denson. "Inoltre, sono professionisti esperti con una solida conoscenza del settore dell'ingegneria civile".

Dall'inizio della pandemia di Covid-19, i casi hanno continuato a essere trattati utilizzando tutti i mezzi possibili, compresa la facilitazione online remota tramite videoconferenza, Zoom o Teams, afferma. In quanto forum industriale delle imprese e del lavoro organizzati, la BCCEI regola le condizioni di lavoro e le relazioni di lavoro nell'ingegneria civile, con l'obiettivo di promuovere un ambiente di lavoro stabile e produttivo.

I servizi della RDC sono a disposizione di tutte le imprese del settore, e di tutti i dipendenti a tempo indeterminato e non che ricadono nell'ambito della BCCEI.

"Il costo dell'utilizzo della BCCEI RDC è coperto dal prelievo mensile di risoluzione delle controversie pagato da datori di lavoro e dipendenti", afferma. "Quindi non vi è alcun costo aggiuntivo per l'utilizzo della RDC, tranne quando si fa riferimento a una controversia Inquiry by Arbitrator (S188A)".

Denson sottolinea che, in tutti i casi di licenziamento di cui alla RDC, il ricorrente e il convenuto devono prima esplorare un processo di conciliazione per cercare di risolvere la controversia in modo amichevole.

"Laddove non sia possibile raggiungere un tale accordo, il caso passa all'arbitrato, se richiesto dal richiedente o dal referente", afferma. “Il caso viene poi arbitrato da un commissario indipendente nominato dalla Bcei”.

Nel processo arbitrale, spiega, il commissario arbitrale ascolta entrambe le parti della controversia. Sulla base delle prove fornite e delle argomentazioni addotte, il commissario decide se il licenziamento è stato procedurale o sostanziale equo o meno e emette un lodo arbitrale. Tutti i lodi arbitrali sono definitivi e vincolanti.

Denson osserva che le "controversie legali" su una serie di diversi tipi di licenziamento possono essere gestite dalla RDC. Questi includono licenziamenti (contenziosi sui requisiti operativi), incapacità a causa di problemi di salute o scarse prestazioni lavorative e cattiva condotta, nonché azioni di sciopero, serrate, sospensioni ingiuste e indennità di licenziamento. Tra i vantaggi del servizio della RDC c'è la possibilità di ascoltare le controversie in grandi progetti anche in loco, ad esempio presso le centrali di Medupi e Kusile

"La risoluzione delle controversie in loco può essere condotta in progetti multidisciplinari a lungo termine in cui vengono applicati accordi di sito", afferma Denson. "Ciò significa risparmi significativi in ​​termini di tempo e costi, garantendo nel contempo che il processo sia pienamente conforme".

 

 

Se hai un commento o ulteriori informazioni su questo post, condividilo con noi nella sezione commenti qui sotto

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome