ultime notizie

Home Gestione Linee guida per la prevenzione COVID-19 negli edifici

Linee guida per la prevenzione COVID-19 negli edifici

Le linee guida di prevenzione comunemente disponibili per Covid-19 si sono concentrati principalmente sull'allontanamento sociale, sui dispositivi di protezione e sugli attrezzi e su rigorosi protocolli di igiene. Tuttavia, quando si tratta del settore edile, le caratteristiche di progettazione degli edifici possono aiutare aggiungendo resilienza per proteggere gli occupanti dalle infezioni. Ingegneri e architetti possono creare spazi più sani, migliorando al contempo le prestazioni complessive dell'edificio aggiungendo caratteristiche di design efficaci.

Tenendo presente questo, molte autorità del settore hanno pubblicato linee guida sulla progettazione degli edifici per aiutare non solo la prevenzione contro il nuovo coronavirus, ma anche altre malattie infettive. Le seguenti sono 3 delle principali autorità:

ASHRAE: American Society of Heating, Refrigerating and Air Conditioning Engineers
USGBC: US ​​Green Building Council (sviluppatori della certificazione LEED)
IWBI: International WELL Building Institute (sviluppatori della certificazione WELL)

Le linee guida di progettazione e le raccomandazioni delle autorità di cui sopra non si escludono a vicenda e si completano a vicenda in diversi modi. Collettivamente, forniscono un riferimento completo e solido per i professionisti del design per progettare in modo efficace spazi edificabili sicuri contro malattie infettive come COVID-19 e altri.

Immergiamoci nelle raccomandazioni di ciascuna delle autorità del settore menzionate.

ASHRAE: misure preventive contro COVID-19 negli edifici

Dall'inizio della pandemia di coronavirus, ASHRAE ha rilasciato una guida dettagliata e approfondita per tutti i tipi di edifici contro COVID-19. La maggior parte delle loro raccomandazioni di progettazione si concentra principalmente su 3 aspetti:

Aumentare la ventilazione esterna
Aggiornamento dei filtri dell'aria per catturare efficacemente minuscole particelle virali
Utilizzo dell'irradiazione germicida ultravioletta (UGVI)

Si è discusso molto sul COVID-19 aerotrasportato e da quando l'OMS ha riconosciuto l'imminente minaccia di infezione da coronavirus per esposizione ad aerosol in spazi interni affollati, una corretta ventilazione è diventata fondamentale. Anche le possibilità di trovare COVID-19 nell'aria esterna sono molto basse, il che significa che le particelle virali sono in grado di rimanere sospese negli spazi interni per lungo tempo. Per questi motivi, ASHRAE consiglia vivamente aumentare il flusso d'aria esterna per quanto possibile, eliminando il ricircolo dell'aria. Idealmente, ASHRAE consiglia il 100% di aria esterna e lo 0% di ricircolo, tuttavia, in pratica, questo non è possibile. Anche fattori esterni come le condizioni meteorologiche e la capacità HVAC dell'edificio influenzano le esigenze di ventilazione. Pertanto, il flusso d'aria esterno dovrebbe essere aumentato il più possibile, entro i limiti imposti dai sistemi HVAC dell'edificio e dalle condizioni meteorologiche.

Quando si tratta di aggiornare il filtro dell'aria dell'edificio, ASHRAE consiglia un filtro dell'aria con classificazione MERV 13 o superiore, poiché questi filtri sono in grado di catturare il particolato minuscolo contenente il virus. Tuttavia, proprio come i sistemi di ventilazione, la capacità del sistema deve essere controllata poiché i filtri con valori nominali più elevati aggiungono resistenza al flusso d'aria. Inoltre, la capacità della ventola dovrebbe essere in grado di superare la caduta di pressione. Le unità portatili con ventole integrate possono essere utilizzate quando la potenza del filtro è limitata dalla potenza della ventola disponibile.

UVGI integra le misure di ventilazione e filtraggio inattivando germi, batteri e virus direttamente con i raggi UV per distruggere il loro DNA. Tuttavia, la radiazione deve essere nell'intervallo di frequenza UV-C per essere efficace, con una lunghezza d'onda prossima a 254.7 nm. Per garantire che il sistema UVGI non produca livelli pericolosi di ozono, le disinfezioni con luce UV devono soddisfare lo standard UL2998.

USGBC: Raccomandazioni LEED per prevenire COVID-19

La certificazione LEED ha guadagnato molta popolarità e successo nella realizzazione e convalida della sostenibilità degli edifici o delle caratteristiche verdi del quartiere. La certificazione LEED richiede che gli edifici guadagnino crediti attraverso diverse funzionalità. L'USGBC ha pubblicato le proprie linee guida per la prevenzione di COVID-19 che porta a Crediti LEED. Questi crediti rientrano in una nuova categoria chiamata "Safety First", e ce ne sono 6 a partire da settembre 2020.

Pulire e disinfettare il tuo spazio
Rientra nel tuo spazio di lavoro
Rimessa in servizio del sistema idrico dell'edificio
Gestione della qualità dell'aria interna durante COVID-19
Pianificazione pandemica
Equità sociale nella pianificazione pandemica

I primi 4 crediti sono disponibili nelle versioni LEED 2009, v4 e v4.1, mentre gli ultimi 2 sono disponibili in LEED per Città e Comunità.

I crediti LEED Safety First hanno una portata più ampia di quella di ASHRAE e adotta un approccio più generale che copre la gestione degli edifici e la responsabilità sociale, mentre ASHRAE si concentra fortemente sugli aspetti tecnici. Essendo consapevole del rischio a cui sono esposti i lavoratori edili a causa della pandemia, USGBC ha rilasciato risorse tecniche e linee guida per gli appaltatori e il loro personale.

IWBI: WELL Raccomandazioni per prevenire COVID-19

Ottenere la certificazione WELL per un edificio può essere un progetto che richiede tempo e tecnicamente impegnativo. Tuttavia, considerando le attuali situazioni di emergenza, IWBI ha creato il WELL Health-Safety Rating per affrontare i bisogni urgenti degli edifici. Il WELL Health-Safety Rating si basa sullo standard WELL, ma si concentra maggiormente sugli aspetti che aiutano a prevenire le malattie infettive.

I seguenti aspetti delle prestazioni dell'edificio sono considerati nel WELL Health-Safety Rating:

Procedure di pulizia e sanificazione
Programmi di preparazione alle emergenze
Risorse del servizio sanitario
Gestione della qualità dell'aria e dell'acqua
Coinvolgimento e comunicazione degli stakeholder
Innovazione

I primi 5 aspetti progettuali racchiudono un totale di 21 criteri e i proprietari degli edifici devono soddisfare un minimo di 15 per essere ammessi alla certificazione. L'ultima categoria; innovazione, può anche aiutare a guadagnare fino a 3 punti. Il sistema di rating viene rinnovato ogni anno. IWBI incorpora un approccio ampio ma copre non solo gli aspetti tecnici, ma anche la gestione degli edifici e la responsabilità sociale. Mentre il rating LEED si concentra sui fattori energetici e ambientali, lo standard WELL si concentra maggiormente sulle persone.

I requisiti di progettazione di ASHRAE, USGBC e IWBI possono essere utilizzati insieme per schermare edifici e spazi circostanti da malattie infettive come COVID-19 in modo molto più efficace.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!