ultime notizie

Home News Australasia Inizia la costruzione del primo impianto integrato per il trattamento dell'acqua, Singapore.

Inizia la costruzione del primo impianto integrato per il trattamento dell'acqua, Singapore.

Singapore ha avviato la costruzione della prima fase del suo primo impianto integrato di trattamento dei rifiuti solidi e dell'acqua, il Tuas Nexus, secondo una dichiarazione rilasciata da Agenzia nazionale dell'ambiente (NEA) e PUB. Il Tuas Nexus dovrebbe completare tutte le sue fasi entro l'inizio del 2025 ed è una co-locazione di due mega strutture: il Tuas Water Reclamation Plant (Tuas WRP) e Integrated Waste Management Facility (IWMF) - che "aiuterà a forgiare una Singapore più sostenibile ottimizzando l'uso del suolo e massimizzando il recupero di energia e risorse". Si prevede che l'impianto integrato di trattamento dell'acqua e dei rifiuti solidi a Singapore sarà autosufficiente dal punto di vista energetico, il che si tradurrà in un risparmio di carbonio di oltre 200,000 tonnellate di anidride carbonica all'anno, equivalenti a togliere 42,500 auto dalle strade di Singapore. Inoltre, l'integrazione delle due strutture comporterà un risparmio di terreno fino a 2.6 ettari, circa le dimensioni di quattro campi da calcio, rispetto alla costruzione delle due strutture autonome, aggiunge il comunicato.

Leggi anche: Singapore inizia la costruzione del più grande sistema fotovoltaico galleggiante interno del mondo.

“Utilizzando le ultime tecnologie, Tuas Nexus sfrutterà le sinergie del nesso acqua-energia-spreco dall'acqua usata e dai rifiuti solidi. "Il sottoprodotto di una struttura diventa una risorsa per l'altra struttura", hanno spiegato PUB e NEA. Ad esempio, l'impianto di trattamento dei rifiuti alimentari di IWMF convertirà i rifiuti alimentari separati alla fonte in liquami di rifiuti alimentari adatti alla co-digestione con i fanghi d'acqua usati presso il Tuas WRP.

Come funziona:

La co-digestione dei rifiuti alimentari e dei fanghi d'acqua usati aumenterà la produzione di biogas del 40% a Tuas WRP, rispetto alla resa di biogas dal trattamento dei soli fanghi d'acqua usati. Il biogas prodotto verrà quindi bruciato all'IWMF e l'energia termica di combustione recuperata per migliorare l'efficienza termica complessiva dell'impianto e aumentare la produzione di elettricità, hanno affermato le agenzie. L'elettricità generata da IWMF verrà utilizzata per sostenere le operazioni di Tuas Nexus con eccedenze da esportare in rete. Questa elettricità in eccesso esportata in rete sarà in grado di alimentare continuamente fino a 300,000 appartamenti HDB di quattro stanze.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!