Monitoraggio delle prestazioni degli impianti fotovoltaici

Le metriche di monitoraggio delle prestazioni degli impianti fotovoltaici possono essere valutate durante i test di accettazione o continuamente durante il funzionamento, per una ragione diversa. Nel mio articolo precedente, Ho descritto alcune delle metriche che possono essere utilizzate per monitorare le prestazioni degli impianti fotovoltaici.

I test di collaudo sono una serie di test condotti per determinare se sono soddisfatti i requisiti di una specifica o di un contratto, nel caso di impianti fotovoltaici la specifica del sistema tecnico e il contratto di costruzione. La valutazione delle prestazioni durante i test di collaudo viene effettuata per confermare che l'impianto è stato costruito e funziona secondo il piano di progetto, ovvero per verificare un'installazione efficiente e completa e le prestazioni del sistema adeguate.

Le prestazioni dell'impianto devono essere costantemente monitorate anche dopo aver superato con successo i test di collaudo, per garantire un funzionamento ottimale del sistema.

Il rapporto di prestazione (o presto PR) è una delle metriche ampiamente accettate nel settore fotovoltaico che affermano empiricamente l'efficienza di un determinato sistema. Questa metrica può essere utilizzata in tutte le fasi della vita di un sistema, dallo studio di pre-fattibilità al funzionamento continuo, che lo rende adatto per l'uso nei termini contrattuali con la società di costruzioni che è responsabile della costruzione e della messa in funzione dell'impianto .

Le prestazioni del sistema fotovoltaico dipendono sia dalla qualità del sistema che dalle condizioni meteorologiche. Sfortunatamente, il PR è, ancora una volta, una funzione dell'efficienza del sistema fotovoltaico e del tempo.
Se il PR viene misurato durante l'inverno o durante l'estate, si possono ottenere valori sostanzialmente diversi,
rendendo questa metrica insufficiente da utilizzare come base per una garanzia di prestazione quando sono richiesti intervalli di confidenza precisi.

La ragione di ciò è che l'efficienza dei moduli fotovoltaici dipende, tra le altre cose, dalla temperatura. I moduli fotovoltaici sono meno efficienti quando la temperatura è alta, il che significa che le prestazioni del sistema saranno inferiori in estate. Può sembrare controintuitivo, ma per chiarire le cose, stiamo valutando la capacità del sistema di convertire la luce solare in energia e non la quantità di energia solare disponibile.

Questo pregiudizio comporterà valori falsi alti durante i mesi invernali (causando rischi per il cliente fotovoltaico perché un impianto con prestazioni scadenti potrebbe superare falsamente il test durante questo periodo) e valori falsi bassi durante i mesi estivi (causando rischi per l'installatore fotovoltaico) .

Per risolvere questo problema, NREL (National Renewable Energy Laboratory) ha proposto un rapporto di prestazione corretto per il clima. Il metodo proposto, mitiga l'effetto della temperatura sul rapporto prestazioni, come si può vedere dalla simulazione presentata:
Nessun testo alternativo fornito per questa immagine
Per utilizzare la metodologia, è necessario che siano presenti diversi strumenti che misurino la temperatura, l'irradiazione, la velocità del vento e la produzione di energia dall'impianto. Sono inoltre necessari modelli appropriati per la simulazione della resa energetica. È evidente che la metodologia non è semplice, né economica in quanto richiede strumenti meteorologici, condotte di elaborazione dati e metodi di simulazione.

Può sembrare che questo metodo non sia economicamente fattibile per piccoli impianti fotovoltaici, ma per fortuna, Dati solari offre un servizio basato su un modello di pagamento ricorrente, quindi non è necessario alcun costo iniziale. Viene distribuita una stazione meteorologica portatile, i dati provenienti dagli inverter vengono raccolti ed elaborati automaticamente, risultando in un cruscotto live che consente il monitoraggio continuo di molte metriche, incluso il rapporto di prestazione corretto dal tempo descritto in questo articolo. Non esitate a contattarmi a [Email protected] se vuoi saperne di più.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome