ultime notizie

Home settore Energia Il Mali ottiene la sua prima centrale elettrica alimentata a HFO

Il Mali ottiene la sua prima centrale elettrica alimentata a HFO

Albatros Energie Mali (AEM), un potere del settore privato L'operatore di impianto con sede in Mali sta cercando di costruire una centrale elettrica 90mw a combustibile HFO nella regione del Kayes. La centrale elettrica aggiungerà 30% alla capacità effettiva del carico di base del Mali.

Il progetto $ 137.9m ha il supporto di un prestito convenzionale 28m di 15m a scadenza annuale e un finanziamento di $ 4.4m Sha'ria con un termine di 14-year, sia dal Emerging Africa Infrastructure Fund (EAIF). È il primo progetto del Fondo in Mali.

La maggior parte dell'energia elettrica prodotta localmente dal Mali proviene da centrali idroelettriche, con una proporzione crescente fornita da combustibili termici convenzionali.

Ciò è stato reso necessario dalla mancanza di affidabilità dell'energia idroelettrica durante i periodi di siccità o le scarse precipitazioni. Inoltre, il Mali ha un numero limitato di luoghi adatti alle stazioni idroelettriche.

Dato il basso prezzo globale del petrolio, è probabile che l'impianto AEM venga battuto solo per la produzione e il prezzo di fornitura per l'idroelettrico.

L'AEM intende inoltre avvantaggiare l'economia del Mali riducendo il suo conto sulle importazioni di energia e riducendo la necessità di noleggiare la capacità di generazione mobile. L'energia proveniente dalla centrale AEM verrà fornita alla rete nazionale del Mali e si prevede che migliori l'affidabilità dell'approvvigionamento delle grandi città e degli utenti di bassa e media tensione.

La costruzione è prevista in circa 16 mesi, con la recluta 183 per formare una forza lavoro di costruzione totale di persone 191. Una volta operativo, l'impianto assumerà 53 ulteriori membri del personale, 50 di cui sarà impegnato a livello locale.

In 2015, The Banca africana di sviluppo ha riferito che i tassi di elettrificazione del Mali rimangono molto bassi, al 55% nelle aree urbane e al15% nelle città e nei villaggi rurali. Il direttore esecutivo di EAIF, Emilio Cattaneo, ha affermato che la creazione di un affidabile settore di produzione di elettricità nel paese svolgerà un ruolo importante nella lotta contro la povertà.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!